“La Corte Costituzione e la concorrenza”: è questo il titolo dell’incontro conclusivo del ciclo “La Corte costituzionale e l’economia” che si terrà giovedì 4 maggio alle ore 15 nell’Aula Pio XI (largo Gemelli, 1 -  Milano). Ad affrontare il tema sarà il giudice della Consulta Giuliano Amato che - dopo il precedente incontro del 27 gennaio con la professoressa Daria de Pretis, dedicato alla regolazione pubblica delle attività economiche private - tratterà la nozione della concorrenza e della sua tutela nella giurisprudenza della Corte costituzionale, con esempi tratti da diversi settori, come ad esempio il commercio o gli appalti pubblici. Dopo i saluti istituzionali del rettore Franco Anelli e dei professori Alessandro D’Adda e Luca Colombo, rispettivamente direttori del dipartimento di Diritto privato e pubblico dell’economia e di Economia e finanza, interverranno al dibattito i docenti dell’Ateneo Enzo Balboni, Pasquale De Sena e Michele Grillo.

I problemi della ‘Costituzione economica’ sono da sempre al centro dell’attenzione della Corte costituzionale e lo sono stati a maggior ragione negli ultimi anni, durante i quali ai giudizi sulla normale produzione legislativa si sono affiancati quelli sulle misure adottate sotto l’urgenza della crisi. Per converso, anche le decisioni di Palazzo della Consulta hanno attirato attenzione, commenti e critiche per le loro implicazioni economiche.

In questo ciclo di incontri - organizzato dalla facoltà di Economia e dai suoi due dipartimenti di Diritto privato e pubblico dell’economia e di Economia e finanza - cinque giudici costituzionali sono stati invitati a illustrare, a partire da casi significativi, come la Corte affronta simili questioni e a discuterne con gli economisti e i giuristi dell’Università Cattolica.