La tua ricerca ha prodotto 3 risultati per volontariato:

Charity, la solidarietà contagiosa

CHARITY WORK PROGRAM Charity, la solidarietà contagiosa Camerun e Kenya sono le prime destinazioni per i 50 studenti dell’Ateneo che vivranno un’estate di volontariato nei Paesi in via di sviluppo con il progetto del Cesi. Sono i due paesi dove voleranno i primi quattro dei cinquanta studenti dell’Università Cattolica che quest’anno trascorreranno un’estate diversa grazie al Charity Work Program . Francesca e Chiara, entrambe iscritte alla facoltà di Scienze politiche e sociali, si recheranno nella città camerunense di Mbalmayo al Centre de Promotion Sociale (Cps), che ha lo scopo di promuovere lo sviluppo umano, culturale e spirituale della popolazione locale. Alberto, di Scienze politiche e sociali, e Altea, di Giurisprudenza, opereranno nella baraccopoli di Nairobi fianco a fianco con il personale di Alice for Children, nelle scuole primarie di Korogocho e Dandora. In alcuni di questi casi, proprio per consentire un percorso di volontariato più completo, il periodo di permanenza all’estero è di due mesi. Tra le novità di quest’anno il maggior numero di destinazioni: 20 diversi progetti in 15 Paesi ospiteranno gli studenti, comprendendo nuove mete Ghana, Filippine e Kenya (queste ultime due la prima volta in assoluto), Brasile, Bolivia, Camerun, Etiopia, India, Perù, Tanzania, Terra Santa e Uganda . Il progetto offre un’esperienza di missione agli studenti delle facoltà di Psicologia e Scienze della formazione del campus di Milano.

 

Il Charity guarda a Oriente

CHARITY WORK PROGRAM Il Charity guarda a Oriente Per la prima volta il programma di volontariato internazionale estivo per gli studenti dell’Ateneo avvia un progetto nelle Filippine. Per la prima volta gli studenti dell’Ateneo, che sceglieranno di arricchire il loro curriculum con un’esperienza estiva di volontariato internazionale, potranno recarsi nelle Filippine . Entrambi saranno realizzati nella baraccopoli di Dandora a Nairobi (tra le nuove destinazioni), con l’affiancamento dello staff di Twins International, una Onlus di Milano attiva nel Paese africano dal 2006, dove sviluppa i progetti di Alice for Children a favore dell’infanzia più vulnerabile. Dando un rapido sguardo ai numeri, per la sua nona edizione il Charity porta a 54 le borse di studio della durata di 3–8 settimane , con un incremento del 350% rispetto al 2009, anno in cui è stato avviato il programma di volontariato dell’Ateneo. Lo confermano i 46 studenti delle diverse facoltà che nel 2016 hanno vissuto un’estate all’insegna della solidarietà, come hanno avuto modo di raccontare nella rubrica “Diari di viaggio” . Tra questi c’è anche la testimonianza-video di Beatrice Distort , laureanda della facoltà di Giurisprudenza, mandata in onda lo scorso novembre durante la trasmissione televisiva di TV2000 Giovani e futuro: lo speciale “Millennials” condotto da Arianna Ciampoli (qui sopra il video) . Beatrice, grazie al Charity Work Program, ha avuto la grande opportunità di lavorare con i volontari di Vis e Missioni Don Bosco, che hanno dato vita alla campagna “Stop Tratta” per aiutare i potenziali migranti con progetti di sviluppo.

 

Piacere Avis

Brescia Piacere Avis È il percorso di formazione realizzato dall’Osservatorio sul volontariato dell'Ateneo per sensibilizzare i giovani alla donazione di sangue. giugno 2017 I giovani non donano sangue e da molti ospedali d’Italia arriva l’allarme proprio in occasione della Giornata Mondiale del donatore che si celebra oggì. Per sensibilizzare i giovani alla donazione di sangue anche per il 2017 l’ Osservatorio sul volontariato dell’Università Cattolica di Brescia ha attivato,in collaborazione con l’ Avis Provinciale, il progetto “Piacere: Avis” , un percorso che in più di 10 anni ha incontrato nelle scuole 8.000-10.000 studenti di ogni età. Solo nel primo quadrimestre di quest'anno sono stati già coinovolti 2.391 alunni: 1.135 delle superiori, 784 della secondaria di primo grado e 472 della primaria. Si tratta di incontri gratuiti, durante i quali sono stati lasciati dei gadgets e del materiale informativo ai ragazzi. Quest’anno le tematiche proposte durante gli incontri sono state ampliate; si è parlato di cittadinanza attiva, della solidarietà e donazione del sangue, ma anche di salute e benessere. Per favorire una partecipazione attiva è stato anche realizzato, per il settimo anno consecutivo, un contest video “Voglio farlo anch’io” .

 
Go top