La tua ricerca ha prodotto 7 risultati per piacenza:

Food marketing, studenti in cattedra

piacenza Food marketing, studenti in cattedra Gli allievi della laurea magistrale della sede di Piacenza dell’Ateneo mercoledì 3 maggio condivideranno la propria visione con i manager delle più importanti realtà industriali e commerciali del nostro Paese. Special guest il regista Pupi Avati 21 aprile 2017 Giovani che condividono la propria "visione" con i manager, in un confronto che arricchisce gli uni e gli altri. Special guest il regista Pupi Avati , che ha accettato con entusiasmo l’invito degli studenti a tenere una conversazione su società e comunicazione. Ad Alberto Bauli , presidente dell’omonimo Gruppo, sarà consegnato il Marketing Vision Award e al direttore commerciale e Marketing di Carrefour Gregoire Kaufman il Retailing Vision Award. Sono inoltre previsti gli interventi del direttore generale Coop Italia Maura Latini e del General Manager Snacks Mondelez Silvia Bagliani . Tra il pubblico i manager delle più importanti realtà industriali e commerciali del nostro Paese: amministratori delegati, direttori generali, direttori commerciali, direttori marketing, direttori vendite, Key account manager, Trade Marketing manager, Category manager, Buyer, responsabili delle risorse umane. Un’occasione “fuori dagli schemi” di aggiornamento manageriale e un momento di ritrovo e di confronto tra i giovani universitari e la business community.

 

Martina, l’Europa faccia la sua parte

piacenza Martina, l’Europa faccia la sua parte Il ministro delle Politiche agricole, nella lectio della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, ha affrontato il tema dei dazi americani e delle risposte che devono venire dall’Ue. Il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali ha tenuto lo scorso 3 aprile la Lectio Cathedrae magistralis della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali sul “ Ruolo dell’agroalimentare nei 60 anni dai trattati di Roma ” [ guarda il video integrale ] . Lo sviluppo della multifunzionalità deve essere incentivato, espressione di un territorio dove si unisce qualità, sostenibilità e socialità, rispondendo agli attacchi con esperienze sinergiche di imprenditorialità privata, supportata dal pubblico. L’Italia deve assumere un ruolo da protagonista ed anche l’università è chiamata al fondamentale compito di formare lo “zoccolo duro” di questo sistema, per creare una consapevolezza nuova per il nostro agro-alimentare». L’intervento del ministro Martina è stato preceduto dal saluto del rettore Franco Anelli , che nella sua introduzione ha evidenziato il ruolo dell'Università Cattolica nella rinascita agricola dell'Italia, citando le parole di Padre Gemelli: «Non basta dare la terra ai contadini, bisogna anche supportarli nel produrre. Il preside della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali Lorenzo Morelli ha sottolineato che «il territorio ha da sempre connotato questa facoltà, un centro per formare uomini, la loro terra e quindi ha un’azione sociale. Per Canali la sua lezione va tradotta «nella ricerca di una formazione elevata, con una visione europea, analitica delle specificità territoriali che superi visioni frammentarie, che operi sinergie, una lungimiranza che guardi lontano coniugando insieme locale, europeo ed internazionale».

 

Piacenza parlerà sempre più inglese

novità Piacenza parlerà sempre più inglese Nel corso del Dies Academicus della sede, il rettore ha annunciato due nuovi corsi in lingua straniera: la triennale in Scienze agrarie alimentari e ambientali e la magistrale in Global Business Management . Oltre a un nuovo Double degree 23 marzo 2017 Due nuovi corsi in lingua inglese: Safe, laurea triennale in Scienze agrarie alimentari e ambientali , e Global Business Management , laurea magistrale di Economia . Queste le novità annunciate dal rettore Franco Anelli al Dies Academicus della sede di Piacenza dell’Ateneo, a cui si aggiunge una doppia laurea per ottenere in sei anni due lauree magistrali, una in Giurisprudenza e una in Economia . E di futuro si è parlato nel corso della giornata inaugurale della sede, lo scorso 22 marzo, nella lectio sulla relazione tra essere umano e umanoide di Roberto Cingolani , direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia. Il tema è di quelli che inevitabilmente suscitano un misto di fascino e turbamento – ha osservato il rettore Anelli -. Al contrario: nel 2016 sono stati infatti 216 i progetti di ricerca attivi a Piacenza, di cui 144 avviati nel corso dell’anno, per un valore economico di oltre 4,1 milioni di euro. Il direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia ha subito chiarito che «l’uomo è irraggiungibile, perché il rapporto tra mente e corpo dell’uomo è irriproducibile.

 

A Brescia e Piacenza i nuovi centri sanitari

novembre 2015 Hanno trovato la loro sede definitiva i servizi del Centro sanitario e della Consulenza psicologica delle sedi EDUCatt di Brescia e Piacenza, entrambe andate di recente incontro a importanti lavori di ristrutturazione. Gli stessi servizi sono attivi ora anche nella rinnovata sede di Brescia di via Tosio 1: il medico di base è disponibile tutti i mercoledì dalle 12 alle 15 (per informazioni si può scrivere a info.bs.dsu@educatt.it o telefonare al numero 02.7217.2604). La consulenza psicologica è invece disponibile su appuntamento, telefonando al numero 02.7217.2604 oppure scrivendo all'indirizzo info.bs.dsu@educatt.it . Per tutti gli studenti iscritti a Brescia e a Piacenza è inoltre possibile valersi delle visite specialistiche a prezzi convenzionati presso la sede di Milano dell'Ateneo. salute #educatt #centrosanitario #consulenzapsicologica #brescia #piacenza Facebook Twitter Send by mail.

 

Lasciati trasportare...in Cattolica

Provare l’università durante la scuola superiore fornisce risposte a 3 delle domande più frequenti nei colloqui di orientamento, che sono: Che cosa si studia?; Come si studia?; E dopo la laurea?» spiega Federica Terzaghi , responsabile del settore Promozione, Orientamento e Tutorato dell’Università Cattolica. Il salto dalla scuola superiore all’università comporta una scelta consapevole e responsabile, basata in gran parte sulla risposta a questi quesiti. Oltre a sapere che cosa si studia in un determinato corso di laurea, cerchiamo di far sperimentare la metodologia didattica universitaria, molto più partecipativa e interattiva di quella sperimentata alle scuole superiori, dove è previsto anche un approccio critico alle materie. La mattinata si è conclusa con la presentazione e la visita guidata del Campus. orientamento #facolta #piacenza Facebook Twitter Send by mail.

 

È morto il professor Giacomo Vaciago

piacenza È morto il professor Giacomo Vaciago Il docente di Politica economica si è spento nella notte a Piacenza. Sposato, con quattro figli e dodici nipoti, si era laureato in Economia e Commercio all’Università Cattolica nel 1964, e nel 1968 aveva conseguito il Master of Philosophy in Economia all’Università di Oxford (dove nel 1966 è stato President della Common Room di Linacre College). Tra il 1970 e il 1989 è stato prima professore incaricato e poi ordinario di Economia politica all’Università di Ancona, della quale ha anche diretto per diversi anni l’Istituto di Economia. Nel 1989 rientrò in Università Cattolica come professore ordinario di Politica economica alla facoltà di Economia ed era stato direttore dell’Istituto di Economia e Finanza dal 1992 al 1994 e dal 1998 al 2009. Dal 1° novembre 2012, lasciò la cattedra di Politica economica per il pensionamento ed è professore Incaricato di Economia Monetaria. È stato co-fondatore e primo presidente (dal 2000 al 2004) di ref. (Ricerche per l’economia e la finanza); dal 2013 è stato presidente di Ref Ricerche e dal 2014 di Ref&Associati. Sono molti i temi fra cui scegliere, ma credo che uno dei più importanti – anche in prospettiva, per ciascuno di noi – sia quello che brevemente inizio a trattare: la società economica nella quale viviamo sempre più appare, e in effetti è, guidata dal sapere.

 

Con Ipbs il campus parla internazionale

PIACENZA 04 novembre 2015 Con Ipbs il campus parla internazionale La sede dell’Università Cattolica ha ospitato l’appuntamento annuale delle Business School che fanno parte del network che promuove il Double Degree. E poi è stato un momento per ragionare sulla definizione delle future linee di sviluppo, che implicano valutazione dei contenuti da introdurre nei corsi impartiti dalle varie università e riflessioni sull’allargamento del network». Un meeting che, tornato a Piacenza dopo cinque anni, ha coinvolto 50 persone in tutto, provenienti da Stati Uniti, Messico, Regno Unito, Francia, Germania, Spagna e Irlanda, tutte mete del Double Degree. Siamo molto cambiati rispetto a cinque anni fa, quando abbiamo dato il via all’iniziativa – ha aggiunto la Zoni – ora, innanzitutto, c’è un maggiore scambio di studenti tra una Facoltà e l’altra, mediamente sono circa 60-70 all’anno. Siamo orgogliosi di questo fatto, che mi spinge a dire We can do it : possiamo pensarci e dobbiamo guardarci da un nuovo punto di vista, essere orgogliosi di quello che siamo e che possiamo diventare. Ho scelto il Double Degree, perché mi piacciono i vantaggi di questo progetto – spiega Jana –: al primo posto sicuramente la possibilità di studiare per due anni all’estero: non si impara solo la lingua meglio, ma anche a vivere da sola in un paese diverso è una grande opportunità. In merito alla tre giorni di IPBS meeting Fellegara sottolinea quanto la facoltà si sia sentita «lusingata dalla possibilità di mostrare il nostro campus ai partner stranieri: siamo sicuri sia adeguata e di livello, sia per il luogo che per le modalità di relazione.

 
Go top