La tua ricerca ha prodotto 49 risultati per piacenza.
Stai visualizzando i risultati 1 - 25:

Afidi che resistono agli insetticidi, svelato l’enigma genetico

Ricerca Afidi che resistono agli insetticidi, svelato l’enigma genetico La ricerca, pubblicata su Science Advances , apre la strada a interventi per contrastare questi insetti, in un quadro di sostenibilità ambientale. Adesso sappiamo come funzionano i diversi ceppi in base alla loro architettura genetica». E questo che vantaggio ci dà? «Un vantaggio enorme se pensiamo alla sostenibilità in agricoltura, tema di punta della ricerca della nostra facoltà di Scienze agrarie. In che tempi questi risultati potranno avere una ricaduta concreta in agricoltura? Non ci vorrà molto tempo perché la ricaduta di questa ricerca possa applicarsi in agricoltura. La nostra facoltà si è appena aggiudicata un finanziamento per un progetto multidisciplinare di ricerca “ applicativa”. Si tratta di uno studio finanziato dalla Regione Emilia Romagna nell’ambito del PSR 2014-2020 Op. 16.1.01 - GO PEI-Agri - FA 4B, Pr. “5149124 - Nuovi sistemi di diagnosi veloce e tecniche a basso impatto ecotossicologico per contenere fenomeni di resistenza ai patogeni, fitofagi e alle malerbe – RESISTI, coordinato dalla società cooperativa CRPV.

 

Un provvedimento che dà fiato all’agricoltura

Lavoro stagionale Un provvedimento che dà fiato all’agricoltura Secondo il professor Gabriele Canali , la misura del Governo per l’emersione del lavoro irregolare è positiva anche in vista della stagione estiva. Il decreto sulla regolarizzazione dei lavoratori, appena varato dall’esecutivo, si muove nella direzione dell’emersione del lavoro nero, e questo è un passo avanti importante verso la soluzione di uno dei problemi atavici del lavoro stagionale. Ma, secondo il professor Gabriele Canali , docente di economia agroalimentare della facoltà di Scienze agrarie alimentari e ambientali dell’Università Cattolica, il tema del lavoro in agricoltura, e in particolare del lavoro stagionale, con tutte le sue criticità, deve essere affrontato in maniera più complessiva e organica. Quali sono i vantaggi evidenti per lei? «Intanto è molto positivo il più facile accesso a una condizione di regolarità di questi lavoratori, che sono già presenti in Italia e che, di fatto, sono coinvolti a pieno titolo anche nelle filiere agroalimentari. Bisognerà vedere quindi come verrà gestito concretamente questo processo… «I limiti del provvedimento potrebbero nascondersi nella provvisorietà di questo approccio e in eventuali resistenze nascoste tra le pieghe della fase attuativa di questo regolamento, che potrebbero limitare la fluidità del passaggio del sommerso a una situazione di regolarità. Per questo guarderei agli aspetti positivi di un provvedimento che consente di aumentare la disponibilità di manodopera regolare in un momento in cui, nonostante tutti i tentativi, è emerso con chiarezza che la manodopera regolare oggi non è sufficiente per i fabbisogni del settore agricolo. Il tentativo di avvalersi dei disoccupati o del lavoro dei percettori di reddito di cittadinanza, non si è dimostrato sufficiente e i numeri ce lo dicono: l’offerta di lavoro italiano per le attività agricole è molto più limitata di quella di cui il settore agricolo ha bisogno».

 

Il modello matematico che misura gli effetti del lockdown

employability Il modello matematico che misura gli effetti del lockdown A svilupparlo l’alumno Marco Milanesi , in Brasile da cinque anni per fare ricerca sulla genomica animale, con un gruppo di colleghi dell’Università di Aracatuba. L’applicazione controlla la curva di accelerazione del contagio da Covid-19 by Sabrina Cliti | 08 maggio 2020 Dalle aule della scuola di dottorato per il Sistema agroalimentare di Piacenza ai laboratori di ricerca dell’Università di Aracatuba in Brasile. È qui che Marco Milanesi , bloccato dal Covid 19, ha elaborato insieme al suo team un nuovo modello di analisi dei dati relativi alla diffusione del Coronavirus. L’applicazione, che carica automaticamente i dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, è progettata per visualizzare il tasso di crescita e l’accelerazione della pandemia di Covid-19 a livello mondiale, nazionale e locale», spiega Milanesi. Il modello matematico indica la curva di accelerazione del contagio e rivela il livello di efficacia delle politiche adottate dai vari governi», osserva il ricercatore che normalmente, pur occupandosi di genetica e genomica animale, in questa pandemia ha voluto dare un contributo fattivo. L’analisi, pubblicata e costantemente aggiornata sul sito theguarani.com.br - e consultabile anche sulla pagina Facebook e sul profilo Instagram - è a disposizione di tutti, in particolare delle istituzioni e di chi si occupa di questo tipo di dati. Se la situazione rimane stabile, ovvero si agirà per ridurre al minimo i nuovi contagi, in breve potremmo arrivare a non avere nuovi casi di Coronavirus», osserva Milanesi, che ha iniziato la sua esperienza di ricercatore con il professor Paolo Ajmone , attuale coordinatore del dottorato Agrisystem .

 

Le lauree magistrali si presentano in rete

Cremona e Piacenza Le lauree magistrali si presentano in rete I campus di Cremona e Piacenza hanno illustrato la propria offerta formativa di secondo livello nel corso di una versione speciale dell’Open day, realizzata interamente in streaming. Una giornata nel nome dell’internazionalizzazione by Sabrina Cliti | 08 aprile 2020 Una versione inedita dell’Open day, quella andata in scena dal campus di Piacenza e Cremona. Nella sua dimensione online ha saputo raccogliere l’interesse di molti studenti che stanno per concludere la laurea triennale, intercettando anche coloro che, forse, non avrebbero potuto partecipare all’evento “in presenza” perché residenti lontano dal campus. La mattina è stata dedicata alla presentazione delle lauree magistrali di Scienze agrarie alimentari e ambientali , quattro in tutto: Agricoltura sostenibile e di precisione ; Scienze e tecnologie alimentari ; Agricultural and food economics e la nuova in Food processing: innovation and tradition . Nel corso della mattina si è tenuta anche l’illustrazione della laurea magistrale in Progettazione pedagogica nei servizi per minori attiva all’interno della facoltà di Scienze della Formazione piacentina e unica in Italia per essere dedicata esplicitamente ai minori. L’internazionalizzazione è stata la parola chiave, il fil rouge che unisce i percorsi proposti dal campus, sia per la rete di partner di ricerca in cui si inserisce, sia per lo sviluppo della sua proposta formativa, che vede attivi anche percorsi di double degree . Per chi non avesse potuto partecipare a questi incontri, l’appuntamento è dal 14 al 21 aprile con il #FestivalUniCatt , una settimana di appuntamenti in streaming per presentare i 57 corsi di laurea magistrale di tutta l’Università Cattolica.

 

Il processo diventa digitale e online

La buona notizia - Presenza Il processo diventa digitale e online In collaborazione con alcuni studenti del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza di Piacenza, il prof--magistrato Pierpaolo Beluzzi ha allestito un dibattimento a distanza con 22 avvocati da tutt'Italia. Un portato positivo di un momento critico by Sabrina Cliti | 31 marzo 2020 Ventidue avvocati collegati in contemporanea via Skype dai propri uffici, un magistrato “informatico” e sei studenti del quarto e quinto anno del corso di laurea in Giurisprudenza magistrrale della sede di Piacenza dell’Università Cattolica. Questi i protagonisti dell’udienza digitale completamente online nata in meno di tre giorni grazie al giudice Pierpaolo Beluzzi con il contributo dei suoi studenti. Giudice a Cremona e pioniere del digitale, Beluzzi insegna a Piacenza Sistemi digitali per il processo, un insegnamento all'avanguardia attivato nel profilo "Ditritto e innovazione digitale", un percorso innovativo nel corso di laurea magistrale di Giurisprudenza di Piacenza dell’Università Cattolica. In meno di tre giorni, con il contributo a lezione (in streaming) dei miei studenti universitari, è stata realizzata, partendo ex novo, una soluzione facilmente replicabile per la completa realizzazione e gestione di un'udienza digitale completamente online». Dal punto di vista didattico Alessandro Esposito parla di «un’ottima esperienza: abbiamo potuto ‘sporcarci le mani’ mettendo in pratica quanto studiato con un approccio creativo, che ha influenzato e implementato le nostre conoscenze. Lorenzo Mazza ha apprezzato la possibilità di approfondire la conoscenza delle varie piattaforme di telepresence “sistemi che sono stati fondamentali per la prosecuzione anche del nostro corso di studi in questo particolare momento storico”.

 

Piacenza e Cremona, aperte le iscrizioni alle magistrali

Lauree magistrali Piacenza e Cremona, aperte le iscrizioni alle magistrali Mercoledì 8 aprile le dirette streaming per scoprire i contenuti dei percorsi attivi nei due campus. Dallo stesso giorno ci si può iscrivere alle lauree di secondo livello. Il nuovo corso in Food Processing: innovation and tradition by Sabrina Cliti | 07 aprile 2020 Nove dirette streaming, livechat e video presentazioni : questi gli ingredienti dell’appuntamento che mercoledì 8 aprile anticiperà l’ Open Week dell’Università Cattolica . Tra i percorsi attivi (quattro di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, quattro di Economia e uno di Scienze della formazione), anche il nuovo Food processing: innovation and tradition , che partirà a Cremona e sarà erogato in lingua inglese, oltre alla laurea in Banking and Consulting attivata lo scorso anno. Già a partire dal oggi sono disponibili i bandi di ammissione alle lauree magistrali e da domani 8 aprile sarà possibile iscriversi al colloquio di ammissione direttamente dal portale dell’Ateneo. L’appuntamento è per mercoledì 8 aprile con le video-presentazioni dei corsi (qui il programma ) e per partecipare alle livechat di confronto con i docenti, per chiedere chiarimenti e precisazioni sui percorsi di interesse, I colloqui si svolgeranno da maggio in avanti e sarà possibile sostenerli anche attraverso Skype . lauree magistrali #streaming #iscrizioni #piacenza #cremona Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Lauree online a Piacenza, la carica dei 77

Laureati Lauree online a Piacenza, la carica dei 77 Prime discussioni delle tesi per gli studenti triennali e magistrali della facoltà di Economia e Giurisprudenza. Il messaggio della preside: «È l'inizio, inatteso e davvero impensabile, di un nuovo traguardo» by Sabrina Cliti | 23 marzo 2020 Sono 77 i laureandi magistrali e triennali della facoltà di Economia e Giurisprudenza di Piacenza che discuteranno tra oggi e mercoledì 25 marzo le loro tesi. E poi l'impegno di tanti, studenti, docenti e personale, che rendono possibile ciò che fino a ieri sembrava irrealizzabile. Le lauree che si discutono in questi giorni a Piacenza rappresentano l'inizio, inatteso e davvero impensabile, di un nuovo traguardo. Lo sguardo che si posa sui prossimi 100 anni è quello positivo, responsabile ed emozionato che vedo, attraverso lo schermo del mio computer, sui visi di queste donne e di questi uomini che discutono con passione e serietà la loro tesi di laurea. Ho apprezzato gli sforzi di tutti per rendere possibile la sessione di laurea prima possibile e ringrazio dunque la commissione e i tecnici per il supporto e per tutto il lavoro “dietro le quinte”. Se la laurea fosse stata in presenza, la nonna non avrebbe potuto partecipare alla discussione di laurea: ecco se vogliamo vedere un lato positivo della discussione online, è questo.

 

Dalla Cattolica un’ambulanza per Piacenza

La Buona Notizia - Presenza Dalla Cattolica un’ambulanza per Piacenza Il Centro studi BANKS, insieme a BPER Banca e ai dipendenti di Oliver Wyman e di Mercer Italia, risponde alla richiesta di aiuto della Croce Rossa Italiana attivando una raccolta fondi. Anche Scienze agrarie, alimentari e ambientali sostiene l’iniziativa by Sabrina Cliti | 27 marzo 2020 «Ogni sede della Croce Rossa Italiana presente sul territorio della provincia di Piacenza sta usando tutte le risorse a sua disposizione, ma potrebbero non bastare». Parte da qui l’appello rivolto dal presidente di CRI Guidotti al professor Stefano Monferrà , direttore del Centro di Ricerca dell’Università Cattolica del Sacro Cuore BANKS. All’iniziativa ha aderito anche la facoltà di Scienze agrarie alimentari e ambientali dell’ateneo cattolico. Per chi volesse contribuire questi sono gli estremi: IBAN - IT12G0538712600000003200652 BICBPMOIT22XXX #piacenza #crocerossaitaliana #ambulanza Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Allevare insetti, un’idea vincente

 

Sport InCampus sbarca a Piacenza

Grazie alla preziosa collaborazione del Csi (Comitato Sportivo Italiano) , Sport InCampus si è strutturato come un progetto di ampio respiro che ha coinvolto diversi attori in un dialogo che continua con profitto. In virtù di questo interesse e per rispondere al bisogno degli studenti di avere un’area attrezzata per praticare diverse discipline sportive, anche in Campus, Educatt inaugura a Piacenza il servizio sportivo. La zona sportiva comprende d ue macroaree, una indoor e una outdoor . All’aperto due campi da calcio a 5 (che all’occorrenza possono diventare set di partite di tennis) e una parete di roccia attrezzata, con torretta, per il climbing sportivo. Al coperto invece, una tensostruttura rinnovata e in linea con le più moderne palestre ospita la pratica sportiva di diverse discipline, perlopiù a squadre: calcio a 5, pallavolo, basket e tennis. Il dialogo tra Educatt e il Csi continua all’insegna della condivisione dei valori cristiani, favorendo il sostegno e l’inclusione, per uno sport non competitivo in cui al centro c’è l’essere umano e la sua esperienza e non solo il risultato fine a sé stesso. Educatt, in quanto Ente per il Diritto allo Studio universitario, si impegna costantemente nella ricerca della soddisfazione dei bisogni della comunità universitaria, mostrando particolare interesse per quello che concerne il benessere psico-fisico della persona.

 

Martina, l’Europa faccia la sua parte

piacenza Martina, l’Europa faccia la sua parte Il ministro delle Politiche agricole, nella lectio della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali, ha affrontato il tema dei dazi americani e delle risposte che devono venire dall’Ue. Il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali ha tenuto lo scorso 3 aprile la Lectio Cathedrae magistralis della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali sul “ Ruolo dell’agroalimentare nei 60 anni dai trattati di Roma ” [ guarda il video integrale ] . Lo sviluppo della multifunzionalità deve essere incentivato, espressione di un territorio dove si unisce qualità, sostenibilità e socialità, rispondendo agli attacchi con esperienze sinergiche di imprenditorialità privata, supportata dal pubblico. L’Italia deve assumere un ruolo da protagonista ed anche l’università è chiamata al fondamentale compito di formare lo “zoccolo duro” di questo sistema, per creare una consapevolezza nuova per il nostro agro-alimentare». L’intervento del ministro Martina è stato preceduto dal saluto del rettore Franco Anelli , che nella sua introduzione ha evidenziato il ruolo dell'Università Cattolica nella rinascita agricola dell'Italia, citando le parole di Padre Gemelli: «Non basta dare la terra ai contadini, bisogna anche supportarli nel produrre. Il preside della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali Lorenzo Morelli ha sottolineato che «il territorio ha da sempre connotato questa facoltà, un centro per formare uomini, la loro terra e quindi ha un’azione sociale. Per Canali la sua lezione va tradotta «nella ricerca di una formazione elevata, con una visione europea, analitica delle specificità territoriali che superi visioni frammentarie, che operi sinergie, una lungimiranza che guardi lontano coniugando insieme locale, europeo ed internazionale».

 

Tempo di scelte: l'Open day apre le porte al futuro

PIACENZA Tempo di scelte: l'Open day apre le porte al futuro 13 luglio 2009 “Apri le porte al tuo futuro”: questo lo slogan che ha accolto lo scorso 7 luglio quasi 200 studenti all’Open Day Open Mind della Cattolica di Piacenza. Un appuntamento fisso per le ragazze e i ragazzi che, freschi di maturità, si affacciano a una scelta importante, capace di condizionare il loro futuro professionale. È dal 2001 che la Cattolica di Piacenza propone questa iniziativa, capace di far vivere da vicino alle future matricole l’esperienza dell’università, di far incontrare loro presidi e docenti, tutor e laureati che, inseriti nel mondo del lavoro, danno testimonianza della loro esperienza. Momento centrale dell’Open day le presentazioni della facoltà attive a Piacenza: per Agraria ha parlato il professor Ettore Capri affiancato da Martina Grassi , laureata in Scienze e tecnologie agrarie e attualmente impegnata nel marketing di un'importante azienda produttrice di salumi. Il preside Romeo Astorri , coadiuvato dai professori Stefano Solimano e Claudia Mazzucato , ha illustrato le caratteristiche di Giurisprudenza, seguito dalla testimonianza di Lorenza Boscarelli , avvocato che ha parlato della sua esperienza presso un importante studio legale piacentino. Per Scienze della formazione la presentazione è stata curata dal professor Pierpaolo Triani , affiancato da Chiara Migliorini, laureata in Scienze della formazione e attualmente impegnata presso l'Associazione socio-educativa Kairos, società che opera nel campo dell'educazione dei minori e della formazione permanente. Agli stand delle facoltà e di Educatt i partecipanti hanno potuto raccogliere materiale informativo sull’offerta formativa, sui piani studio, sui servizi e sull’organizzazione della sede, oltre che su borse di studio ed agevolazioni disponibili per gli studenti universitari.

 

Economia aziendale, diciotto borse di studio per le matricole

PIACENZA-CREMONA Economia aziendale, diciotto borse di studio per le matricole Le borse, del valore di circa 3mila euro, saranno erogate in egual misura tra le due sedi del campus. Per poter partecipare all’assegnazione della borsa di studio occorre presentare domanda di partecipazione al concorso indirizzata al Rettore dell’Università Cattolica. La documentazione dovrà pervenire alla Direzione di Sede – Università Cattolica del Sacro Cuore – Via E. Parmense, 84 – 29122 Piacenza – entro il 10 ottobre 2013. L’assegnazione delle borse sarà effettuata a giudizio insindacabile dall’apposita Commissione nominata dal Rettore sulla base dei criteri di merito, della valutazione della documentazione e, solo a parità di condizioni, sulla base dei redditi del nucleo familiare. La borsa di studio è incompatibile con altri premi o borse di studio di cui lo studente benefici nello stesso anno. Si tratta di un’ulteriore conferma di quanto l’Università Cattolica si impegni nel sostegno della qualità e del merito dei propri studenti, fornendo opportunità preziose a chi abbia dimostrato già alle scuole superiori di volersi impegnare assiduamente nella propria formazione, in vista di un futuro professionale appagante. Un segnale che diventa ancora più importante, quasi in controtendenza, in un periodo di crisi, che vuole però esprimere un significato preciso: per uscire dalla crisi occorre puntare sui giovani capaci.

 

È morto il professor Giacomo Vaciago

piacenza È morto il professor Giacomo Vaciago Il docente di Politica economica si è spento nella notte a Piacenza. Sposato, con quattro figli e dodici nipoti, si era laureato in Economia e Commercio all’Università Cattolica nel 1964, e nel 1968 aveva conseguito il Master of Philosophy in Economia all’Università di Oxford (dove nel 1966 è stato President della Common Room di Linacre College). Tra il 1970 e il 1989 è stato prima professore incaricato e poi ordinario di Economia politica all’Università di Ancona, della quale ha anche diretto per diversi anni l’Istituto di Economia. Nel 1989 rientrò in Università Cattolica come professore ordinario di Politica economica alla facoltà di Economia ed era stato direttore dell’Istituto di Economia e Finanza dal 1992 al 1994 e dal 1998 al 2009. Dal 1° novembre 2012, lasciò la cattedra di Politica economica per il pensionamento ed è professore Incaricato di Economia Monetaria. È stato co-fondatore e primo presidente (dal 2000 al 2004) di ref. (Ricerche per l’economia e la finanza); dal 2013 è stato presidente di Ref Ricerche e dal 2014 di Ref&;Associati. Sono molti i temi fra cui scegliere, ma credo che uno dei più importanti – anche in prospettiva, per ciascuno di noi – sia quello che brevemente inizio a trattare: la società economica nella quale viviamo sempre più appare, e in effetti è, guidata dal sapere.

 

Piacenza, la città controluce

Nonostante il continuo sviluppo economico e i numerosi progressi sociali e culturali, una parte rilevante di popolazione resta sempre coinvolta in processi di impoverimento e di deprivazione, sia a livello planetario che locale. Anche Piacenza, città ricca e operosa, rivela come una fetta significativa della sua collettività soffra situazioni di estremo bisogno economico e spesso anche relazionale e sociale. Il tasso di deprivazione materiale è raddoppiato dal 2008 fino al 16% coinvolgendo quindi circa 47 mila piacentini. Certamente il riflesso indica come le relazioni e le reti tra persone possano contribuire, se non a sconfiggere la deprivazione, a renderla più vivibile, ritrovando tutti le capacità di recuperare spazi di vita più solidali verso un welfare generativo e responsabile.

 

Piacenza, ritorna il Career day

PIACENZA Piacenza, ritorna il Career day Quasi 100 realtà partecipanti, training point, seminari e incontri con le aziende. Ospite speciale Giovanni Rana 13 novembre 2017 Ritorna il 14 novembre prossimo il Career Day Cattolica , l’evento dedicato a studenti, laureandi, laureati e giovani professionisti. Interessanti opportunità di formazione e incontro con le aziende, racchiuse in una giornata interamente dedicata al mondo del lavoro . Ci sarà la possibilità di prepararsi con servizi di cv check, test di selezione psicoattitudinali e colloqui in italiano e inglese, sia singoli che di gruppo. Saranno presenti nell' area stand brand di prestigio di tutti i principali settori professionali, a disposizione dei ragazzi per raccogliere curriculum vitae ed effettuare un primo colloquio conoscitivo. Alle 10.30 l’Aula Gasparini ospiterà l’intervento di Giovanni Rana “Il racconto di una storia di successo Quali insegnamenti imprenditoriali per i giovani?” . Il Career Day Cattolica è anche un'ottima occasione per tutti coloro che sono interessati al futuro professionale nel mondo dell'agroalimentare.

 

Piacenza parlerà sempre più inglese

novità Piacenza parlerà sempre più inglese Nel corso del Dies Academicus della sede, il rettore ha annunciato due nuovi corsi in lingua straniera: la triennale in Scienze agrarie alimentari e ambientali e la magistrale in Global Business Management . Oltre a un nuovo Double degree 23 marzo 2017 Due nuovi corsi in lingua inglese: Safe, laurea triennale in Scienze agrarie alimentari e ambientali , e Global Business Management , laurea magistrale di Economia . Queste le novità annunciate dal rettore Franco Anelli al Dies Academicus della sede di Piacenza dell’Ateneo, a cui si aggiunge una doppia laurea per ottenere in sei anni due lauree magistrali, una in Giurisprudenza e una in Economia . E di futuro si è parlato nel corso della giornata inaugurale della sede, lo scorso 22 marzo, nella lectio sulla relazione tra essere umano e umanoide di Roberto Cingolani , direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia. Il tema è di quelli che inevitabilmente suscitano un misto di fascino e turbamento – ha osservato il rettore Anelli -. Al contrario: nel 2016 sono stati infatti 216 i progetti di ricerca attivi a Piacenza, di cui 144 avviati nel corso dell’anno, per un valore economico di oltre 4,1 milioni di euro. Il direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia ha subito chiarito che «l’uomo è irraggiungibile, perché il rapporto tra mente e corpo dell’uomo è irriproducibile.

 

Giurisprudenza, borsa da 1500 euro

Piacenza Giurisprudenza, borsa da 1500 euro Per partecipare alla selezione per il premio intitolato alla memoria dell’avvocato Giuseppe Gardi è necessario essere iscritti al secondo anno del corso di laurea magistrale nella sede di Piacenza. Le domande vanno presentate entro il 6 luglio 07 giugno 2017 Un premio agli studenti di Giurisprudenza più meritevoli nella sede di Piacenza. Una borsa di studio del valore di 1500 euro è stata istituita in memoria dell’avvocato Giuseppe Gardi ed è riservata a chi che non è risultato idoneo nella graduatoria Educatt. Per partecipare alla selezione è necessario essere iscritti al secondo anno del corso di laurea magistrale in Giurisprudenza e avere superato entro il 30 settembre 2016 l’esame di Istituzioni di diritto privato. Tutta la documentazione necessaria dovrà essere consegnata alla Direzione di sede entro il 6 luglio 2017 . La borsa di studio sarà assegnata da una Commissione nominata dal Rettore, di cui faranno parte anche i famigliari dell’avvocato Giuseppe Gardi. borsadistudio #piacenza #giurisprudenza #giuseppegardi Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Cristina Donà in concerto

EDUCATT Cristina Donà in concerto Domenica 30 settembre a Villa Sforza Fogliani si esibisce la cantautrice milanese Cristina Donà, che porta nella dimora del Settecento il suo ultimo lavoro Canzoni in controluce. L’iniziativa fa parte del progetto Educatt per valorizzare Casa Fogliani. by Giada Meloni | 18 settembre 2018 La splendida cornice di Villa Sforza Fogliani, dimora storica di proprietà dell’Istituto Toniolo di Studi Superiori, ospita per la serata del 30 settembre dalle ore 21 il concerto della cantautrice e rocker milanese Cristina Donà in un’esibizione con il musicista e polistrumentista Saverio Lanza. Cristina Donà ha all’attivo numerose collaborazioni con artisti italiani e internazionali: nel 1997 firma “Tregua”, il suo album di debutto in collaborazione con Manuel Agnelli , frontman degli Afterhours , che le varrà l’ambito premio “Targa Tenco”. Dal 2009 collabora con il polistrumentista e produttore Saverio Lanza, con il quale condivide, per la prima volta nella sua carriera, la composizione della parte musicale di tutti i suoi nuovi brani. Casa Fogliani , l’officina creativa di Educatt nata per valorizzare il territorio e un luogo che ha mantenuto immutati il suo fascino e la sua bellezza nei secoli, organizza l’evento per riportare contemporaneità e vivacità alla struttura. L’evento chiude idealmente la programmazione estiva che ha reso Villa Sforza Fogliani protagonista di numerose iniziative: dalle visite guidate, le Domeniche in Villa , che hanno registrato il tutto esaurito sul portale Eventbrite, alla manifestazione di musica classica Festival del Castello 2018 .

 

Dies Academicus a Piacenza e Cremona

PIACENZA CREMONA Dies Academicus a Piacenza e Cremona Mercoledì 22 marzo le lectio del professor Roberto Cingolani , direttore scientifico dell’Istituto Italiano di Tecnologia, e del vescovo di Cremona monsignor Antonio Napolioni saranno al centro dei due tradizionali incontri con autorità e comunità locali. marzo 2017 Doppio appuntamento nella sede di Piacenza-Cremona per il Dies Academicus, il tradizionale momento di incontro della comunità universitaria con le autorità e i rappresentanti della realtà locale. A Piacenza , mercoledì 22 marzo, il programma prevede alle 9.30, nella Piazzetta della facoltà di Economia e Giurisprudenza, la Celebrazione Eucaristica, presieduta dal vescovo della diocesi di Piacenza-Bobbio monsignor Gianni Ambrosio . Alle 10.30 la cerimonia si sposterà nell’Auditorium G. Mazzocchi per il discorso introduttivo del Rettore Franco Anelli , per i saluti del presidente dell’Epis e della Provincia di Piacenza Francesco Rolleri e del sindaco di Piacenza Paolo Dosi . Seguirà la lectio del professor Roberto Cingolani (n ella foto in alto) , direttore scientifico dell’ Istituto Italiano di Tecnologia che interverrà sul tema “Umani e Umanoidi” . Nello stesso giorno, a partire dalle 16, la cerimonia del Dies Academicus del campus di Cremona si terrà nell’aula magna della sede. Al termine della cerimonia saranno consegnati i diplomi di laurea agli allievi che hanno concluso il proprio percorso formativo nell’anno accademico 2015/16.

 

Con Ipbs il campus parla internazionale

PIACENZA 04 novembre 2015 Con Ipbs il campus parla internazionale La sede dell’Università Cattolica ha ospitato l’appuntamento annuale delle Business School che fanno parte del network che promuove il Double Degree. E poi è stato un momento per ragionare sulla definizione delle future linee di sviluppo, che implicano valutazione dei contenuti da introdurre nei corsi impartiti dalle varie università e riflessioni sull’allargamento del network». Un meeting che, tornato a Piacenza dopo cinque anni, ha coinvolto 50 persone in tutto, provenienti da Stati Uniti, Messico, Regno Unito, Francia, Germania, Spagna e Irlanda, tutte mete del Double Degree. Siamo molto cambiati rispetto a cinque anni fa, quando abbiamo dato il via all’iniziativa – ha aggiunto la Zoni – ora, innanzitutto, c’è un maggiore scambio di studenti tra una Facoltà e l’altra, mediamente sono circa 60-70 all’anno. Siamo orgogliosi di questo fatto, che mi spinge a dire We can do it : possiamo pensarci e dobbiamo guardarci da un nuovo punto di vista, essere orgogliosi di quello che siamo e che possiamo diventare. Ho scelto il Double Degree, perché mi piacciono i vantaggi di questo progetto – spiega Jana –: al primo posto sicuramente la possibilità di studiare per due anni all’estero: non si impara solo la lingua meglio, ma anche a vivere da sola in un paese diverso è una grande opportunità. In merito alla tre giorni di IPBS meeting Fellegara sottolinea quanto la facoltà si sia sentita «lusingata dalla possibilità di mostrare il nostro campus ai partner stranieri: siamo sicuri sia adeguata e di livello, sia per il luogo che per le modalità di relazione.

 

Lasciati trasportare...in Cattolica

Provare l’università durante la scuola superiore fornisce risposte a 3 delle domande più frequenti nei colloqui di orientamento, che sono: Che cosa si studia?; Come si studia?; E dopo la laurea?» spiega Federica Terzaghi , responsabile del settore Promozione, Orientamento e Tutorato dell’Università Cattolica. Il salto dalla scuola superiore all’università comporta una scelta consapevole e responsabile, basata in gran parte sulla risposta a questi quesiti. Oltre a sapere che cosa si studia in un determinato corso di laurea, cerchiamo di far sperimentare la metodologia didattica universitaria, molto più partecipativa e interattiva di quella sperimentata alle scuole superiori, dove è previsto anche un approccio critico alle materie. La mattinata si è conclusa con la presentazione e la visita guidata del Campus. orientamento #facolta #piacenza Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Tokio, per Jacopo stage alla Barilla

Piacenza Tokio, per Jacopo stage alla Barilla Il 24enne piacentino, studente del corso di laurea magistrale in Food marketing e strategie commerciali della facoltà di Economia e Giurisprudenza, è partito per il Giappone . Lavorerà per alcuni mesi nella sede nipponica del gruppo italiano. settembre 2017 È partito da pochi giorni alla volta del Giappone . Svolgerà uno stage di alcuni mesi nella sede della Barilla di Tokio. Nella video-intervista all’emittente locale “Tele-Libertà” tutta la sua soddisfazione per l’esperienza appena iniziata. giappone #barilla #foodmarketing #piacenza Facebook Twitter Send by mail Print.

 

Il sensore che migliora la vite

Piacenza Il sensore che migliora la vite Posizionato sul trattore permette di acquisire affidabili informazioni sulla morfologia della chioma, in alternativa ad altre piattaforme di telerilevamento. giugno 2017 È Matteo Gatti il vincitore del Premio Antico Fattore dell’ Accademia dei Georgofili per la categoria Moderne tecnologie di gestione e difesa del vigneto nell’edizione 2017. Posizionando opportunatamente il sensore sul trattore, esso consente di acquisire affidabili informazioni sulla morfologia della chioma, proponendosi come valida alternativa rispetto ad altre piattaforme di telerilevamento. Con MECS-VINE ® ora i parametri di Canopy Index (CI), temperatura ambiente, temperatura superficiale della chioma e distanza della parete saranno rilevati grazie a un unico strumento attraverso l’aggiunta di un ricevitore GPS ed una serie di altri sensori. I dati raccolti, infatti, verranno poi rielaborati in mappe dal software di post-processing MECS-MAPS e organizzati sotto-forma di mappe tematiche che potranno essere utilizzate dall’utente per produrre programmi di lavoro per attività di tipo VRT (tecnologie a dose variabile). piacenza #mecsvine Facebook Twitter Send by mail Print IL PREMIO ANTICO FATTORE Il “ Premio Antico Fattore ” è nato a Firenze negli anni ’30 ed è destinato a lavori letterari e a contributi scientifici di diversa natura, alternativamente nel settore viticolo ed olivicolo. Dopo diversi anni in cui il concorso non veniva più istituito, è stata l’ Accademia dei Georgofili , la più antica del mondo ad occuparsi di agricoltura, a ridare vita al “Premio Antico Fattore”.

 

Il ricordo di Luigi Calamari

piacenza Il ricordo di Luigi Calamari Ricercatore scrupoloso e prolifico, è morto lo scorso 15 febbraio il professore di Zootecnica Speciale della facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali. All’attività scientifica affiancò sempre anche un’instancabile opera di divulgazione. febbraio 2018 Dopo breve malattia, lo scorso 15 febbraio è deceduto il professor Luigi Calamari . Laureatosi in Scienze Agrarie all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza nel 1978, ha percorso la sua carriera scientifica e accademica presso l’Istituto di Zootecnica del medesimo ateneo sotto l’iniziale guida dei professori Vittorio Cappa e Giuseppe Bertoni. Professore associato di Zootecnica Speciale, il professor Calamari ha offerto un importante contributo personale all’attività universitaria che si è concretizzato, oltre che nell’attività di docenza e di ricerca, anche nell’attiva partecipazione al riordino dell’attività didattica della Facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali. Ricercatore scrupoloso e prolifico, come testimoniano le numerose pubblicazioni scientifiche su riviste di rilevanza nazionale e internazionale, è stato membro attivo di numerose commissioni di studio dell’Associazione per la Scienza e le Produzioni Animali (ASPA) e dell’Editorial board della rivista Italian Journal of Animal Science. All’attività scientifica ha sempre affiancato anche un’instancabile opera di divulgazione per il trasferimento del sapere al mondo della produzione agro-alimentare.

 

Go top