La tua ricerca ha prodotto 9 risultati per stage:

Per il lavoro allenarsi è meglio

roma Per il lavoro allenarsi è meglio Alessia Zecchini , campionessa mondiale di apnea, ha portato la sua testimonianza a un incontro promosso dallo Stage & Placement della sede di Roma per aiutare gli studenti a orientarsi per il futuro. ottobre 2016 «Quando ci immergiamo nella vita, come nel mare, dobbiamo prepararci con cura e lavorare con determinazione, senza paura di fallire. Parola di Alessia Zecchini , una che di allenamento ne sa parecchio, essendo campionessa mondiale di apnea e detentrice di numerosi record internazionali. Alessia è intervenuta come ospite speciale a una nuova iniziativa organizzata dal Servizio Stage & Placement della sede di Roma dell’Ateneo. Attraverso le suggestioni di Maria Picone , Career Advisor Randstad, e Daniela Vellucci , Regional Recruiter Randstad, si è concentrata l’attenzione sul valore di fattori come la passione, l’impegno e la responsabilità. Giovanni De Cesare , promotore dell’iniziativa per Bosch, ha poi introdotto in particolare il concetto di “allenamento”, valido anche nella costruzione del progetto professionale di ciascuno. E appuntamento ai prossimi eventi (in aula 7): Mercoledì 26 ottobre , evento Umana sul Colloquio individuale - ore 10 Giovedì 17 novembre , evento GiGroup sull’Assessment center - ore 16 Mercoledì 30 novembre , evento Adecco sulla Digital reputation - ore 10.30 #lavoro #stage #placement #orientamento Facebook Twitter Send by mail.

 

Il lavoro? Ci penso prima della laurea

Piacenza Il lavoro? Ci penso prima della laurea Il servizio Stage & Placement della Cattolica, tra orientamento professionale, colloqui di lavoro e business game. Puntando su soft skills e professionalità 06 settembre 2016 è con uno sguardo particolarmente sensibile che il Servizio Stage & Placement dell’Università Cattolica di Piacenza si approccia al mondo del lavoro, come dimostrano le molteplici attività di orientamento professionale proposte a studenti e laureati. Un centinaio le attività promosse quest’anno presso il campus piacentino, create dalla necessità di intervenire con sempre maggior anticipo rispetto al traguardo della laurea con l’erogazione dei servizi di orientamento al mondo del lavoro, per approcciare con successo aziende sempre più esigenti nella fase di recruting. Ne sono un esempio i CV&Counseling Point , forma di consulenza nelle pause delle lezioni, per rispondere a richieste, dubbi e perplessità sia di carattere tecnico che di tipo relazionale legati alla costruzione e alla ricerca della propria identità professionale”. “Le aziende, in un momento storico in cui complessità crescente e cambiamento continuo sono i paradigmi di riferimento principali, sono sempre più sensibili e attente nella valutazione delle competenze trasversali, sia nella fase di selezione e valutazione del candidato, sia in quelle successive” prosegue Balordi. I criteri e i principi sui quali è costruito il percorso di orientamento professionale sono quelli della formazione esperienziale e della didattica anticonvenzionale, fatta soprattutto di partecipazione, di esperienza diretta, di apprendimento attraverso l’azione. Lorena Amasanti, laurea in Scienze della Formazione, ha dichiarato: “Il servizio stage & placement ha rappresentato per me un aiuto prezioso; appena laureata mi ha permesso di incontrare le cooperative sociali del territorio e da lì sono partite collaborazioni che proseguono ad oggi.”.

 

Il segreto per il lavoro? Lo stage in digitale

Cattolicapost Il segreto per il lavoro? Lo stage in digitale Secondo la sociologa Ivana Pais , entrare nei gruppi LinkedIn o Fb di settore mentre si studia è come fare un tirocinio online: si impara e si fa network per trovare occupazione. La tesi è un progetto che permette di inserirsi in un ambito professionale, specializzarsi e costruire reti professionali indispensabili per trovare lavoro» afferma la sociologa, che offre un “ piccolo consiglio operativo ” agli studenti: « Iscriversi ai gruppi LinkedIn o Facebook di riferimento per il proprio settore . Parlando di lavoro e di futuro, quali sono le trasformazioni sociali in atto e come coinvolgono le nuove generazioni? «Il focus della mia attività di ricerca è l’impatto della digitalizzazione. Il digitale sta introducendo nuove aree e figure professionali, sta trasformando processi tradizionali e sta anche portando alla scomparsa di attività in via di automazione. Un tratto che caratterizza le nuove generazioni è la difficoltà di accesso al mercato del lavoro e alle organizzazioni tradizionali ma – al tempo stesso – l’abbassamento delle barriere per la creazione di nuove attività e nuove imprese». Come orientarsi allora al futuro? Chi si è imbattuto in questi ultimi mesi nel nostro Ateneo, chi è entrato in relazione con le sue strutture, con le sue attività, con i suoi corsi che cosa ha trovato? Probabilmente ha scoperto un cantiere, un sito in costruzione. C’è fermento, ci sono persone in movimento, progetti che stanno nascendo, rapporti che si stanno creando, idee che si fanno strada.

 

Career day Roma, edizione delle novità

roma Career day Roma, edizione delle novità Incontri one-to-one con gli Hr aziendali, seminari formativi e presentazioni aziendali, ma anche Cv check e simulazioni di colloqui in italiano e in inglese. Sono gli ingredienti dell’evento promosso dalla facoltà di Economia nella sede romana dell’Ateneo. Promosso dalla facoltà di Economia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore e organizzato da People in collaborazione con il Servizio Stage & Placement dell’Ateneo , è uno degli eventi più attesi dell’anno per chi è alla ricerca di lavoro. GUARDA LA GALLERY SU FACEBOOK ] Oltre 30 aziende nel Polo Didattico “Giovanni XXIII” della sede di Roma, pieno di studenti e giovani laureati per incontri e dialoghi sulle opportunità di contatto e conoscenza sul mondo del lavoro. Le aziende presenti hanno offerto occasioni di lavoro in diversi settori: marketing, risorse umane, grande distribuzione organizzata e retail, largo consumo, banche e istituti finanziari, assicurazioni, consulenza fiscale, recupero crediti, e-commerce, abbigliamento e tessile, no profit, logistica, informatica e Ict, aziende farmaceutiche. Grande affluenza da parte degli studenti di Economia della nostra sede e non solo» racconta Virginia Fondacaro , rappresentante degli studenti della sede romana della facoltà. Certamente apprezzabile dal punto di vista estetico, con numerose aziende di indubbia rilevanza che speriamo possano offrire agli studenti della facoltà di Economia a Roma possibilità di crescita e inserimento nel mondo del lavoro» aggiunge Alessandro Martellotta , studente iscritto al terzo anno.

 

35 studenti della Cattolica in visita all'EFSA

Cremona 35 studenti della Cattolica in visita all'EFSA Illustrate ai ragazzi anche le opportunità di stage e lavoro presso l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare. giugno 2016 Visita all’ EFSA - Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare per 35 studenti del I anno del corso di laurea magistrale in Agricultural and Food Economics della Facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Cremona. Stylianos Koulouris, Hana Musinovic e Baptiste Alfano-Giacometti, alla scoperta della strutturata dell’autorità europea e dei principali compiti che assolve per garantire la massima sicurezza degli alimenti che consumiamo e le basi della valutazione e della comunicazione del rischi. “Gli studenti che affrontano questi argomenti nell’insegnamento di Technology for food health and safety hanno potuto così approfondire con gli esperti di EFSA dubbi e curiosità a riguardo” ha sottolineato il prof. Cocconcelli docente della Cattolica. “EFSA è l’organismo che elabora pareri scientifici e consulenza in termini di sicurezza degli alimenti, gettando così le basi per la legislazione e per le politiche europee in materia di catena alimentare. Grazie a questo sistema, gli Europei sono tra i consumatori meglio tutelati e informati al mondo per quanto riguarda i rischi nella catena alimentare.”. La collaborazione tra Università Cattolica del Sacro Cuore e EFSA continuerà con le due giornate di studio presso l’autorità europea organizzate nell’ambito della Summer School Biosafe che si svolgerà a Piacenza dal 9 al 17 giugno presso la residenza Gasparini aperta a dottorandi e neo-dottorati provenienti da tutta Europa.

 

Stage, apprendimento per contaminazione

CATTOLICAPOST Stage, apprendimento per contaminazione La scelta di un master si rivela vincente s e il tirocinio in azienda è di valore e permette allo studente di “nuotare” da subito nel cuore dei processi organizzativi . Il punto di vista dell’impresa nell’intervista a Elena Panzera, Hr Director Sas by Roberto Brambilla | 06 aprile 2016 Stabilire un ponte tra mondo accademico e produttivo, permettere al giovane di “nuotare” nel cuore dei processi organizzativi e di sviluppare un apprendimento per “contaminazione”. Come si realizza questo in ambito aziendale? «Nella mia esperienza in azienda lo stage è davvero ricco se il giovane viene fatto “nuotare” da subito nel cuore dei processi organizzativi e se gli viene dato accesso alla conoscenza di come si svolge la vita dell’organizzazione. Qual è la vera utilità di uno stage? «Ridurre la distanza tra mondo accademico e organizzativo grazie a una conoscenza reciproca di aspettative, conoscenze e potenzialità per un rapporto di reciproca collaborazione. Lo stage è un periodo cruciale per completare la formazione del giovane e per permettere all’azienda di stare a contatto con le nuove generazioni favorendo l’innovazione, lo scambio generazionale, la liberazione di energie che solo l’incontro di mondi diverso sa dare. È poi un periodo che permette una reciproca valutazione non solo di competenze richieste e attese, ma anche di valori comuni e a volte divergenti che fanno parte della vita organizzativa e motivano più di altre variabili a continuare od interrompere la collaborazione». Quanti dei vostri stage in azienda si trasformano successivamente in un percorso lavorativo? Lo stage può essere un modo di fare recruiting? «In Sas lo stage è, di fatto, il primo step del percorso professionale.

 

Federico, un lavoro in Sas grazie allo stage

CATTOLICAPOST Federico, un lavoro in Sas grazie allo stage Dopo essersi diplomato al master Asag in Gestione e sviluppo delle persone nelle organizzazioni , da studente ha visto aprirsi le porte delle Hr della multinazionale. Per Federico Felippone (nella foto in alto) , da poco diplomato al master Asag in Gestione e sviluppo delle persone nelle organizzazioni: gli strumenti di intervento della psicologia del lavoro , subito dopo la sua esperienza di stagista, si sono aperte le porte dell’area Hr di Sas, multinazionale leader negli analytics. Mi occupo di Learning and Development, cioè lavoro per progettare, insieme alla comunità manageriale, percorsi di apprendimento e sviluppo, al fine di rendere Sas un luogo di crescita continua sia professionale sia personale» racconta. Di mio ho sicuramente portato una grande passione per questo lavoro, la voglia di mettermi in gioco come neo-professionista e di mettere in gioco il bagaglio di competenze teoriche derivante dal periodo di studi all'interno di contesti reali. Noi giovani abbiamo un vantaggio competitivo fortissimo da offrire alle aziende: la freschezza, la voglia di fare e l'accettare di rischiare per inseguire una passione; non sfruttare questo vantaggio e lasciarci scoraggiare sarebbe più che un errore, un vero peccato. stage #hr #risorseumane #asag Facebook Twitter Send by mail UN PASSAGGIO GRADUALE AL LAVORO Conseguire un know-how solido e nel contempo porsi nelle condizioni di dare il proprio contributo a livello professionale fin da subito rappresenta una strategia vincente nell’ottica del master. E dà il coraggio di mettersi in gioco, per esempio con il passaggio a nuove realtà, come è successo a Federico che adesso lavora nella società di consulenza Talent Decisions , dove supporta e partecipa alle attività di assessment e alla gestione di una piattaforma di valutazione online.

 

ST&P, superati i due milioni di accessi

LAVORO ST&P, superati i due milioni di accessi Un importante traguardo per il portale Stage e Placement dell’Università Cattolica , lo strumento web di contatto tra aziende interessate ad attrarre giovani candidature e studenti e neolaureati. I consigli per utilizzarlo al meglio 03 novembre 2015 Traguardo importante per ST&P , portale Stage e Placement Università Cattolica , lo strumento web di contatto tra aziende interessate ad attrarre giovani candidature e studenti e neolaureati di tutte le sedi dell'Ateneo. Il portale è uno strumento che avvicina il mercato ai nostri ragazzi, offrendo una gamma di servizi di supporto all’intermediazione del lavoro», affermano dal Servizio Stage e placement di Milano. Oltre al dato degli accessi, i numeri rivelano chiaramente non solo il bisogno degli studenti di essere accompagnati nel mondo del lavoro, ma anche delle aziende di trovare le candidature giuste per le loro esigenze. Ma a fare notizia è l’andamento delle offerte di stage che hanno segnato un aumento del 23% rispetto al 2012, seguite dalle offerte di lavoro che sono state il 21% in più. Trovano lavoro i ragazzi che hanno le idee chiare e sanno cosa vogliono dalla loro carriera professionale: è questa la chiave per avere successo, non l’invio a raffica di Cv attraverso applicativi web». Un’avvertenza che ogni studente o laureato deve avere presente fin dai primi passi in università: « ST&P è un valido aiuto per coloro che hanno già un’ipotesi realistica e consapevole di quale debba o possa essere il loro obiettivo professionale.

 

“Praktikum” per tre nei musei viennesi

SCIENZE LINGUISTICHE “Praktikum” per tre nei musei viennesi by Giulia Cestaro | 20 ottobre 2009 Al museo per perfezionare la lingua tedesca, inglese, francese e spagnola, ma anche per misurarsi con il mondo del lavoro. Nei loro racconti traspare già una certa nostalgia per le giornate trascorse fra le mura antiche del Kunsthistorisches Museum , museo di storia dell’arte, e del Naturhistorisches , museo di storia naturale, fiore all’occhiello della città di Vienna. È qui che per tre mesi le tre stagiste hanno collaborato alle attività organizzative e gestionali dei due musei dando il loro contributo nell’allestimento di mostre, nella gestione dei contatti con la stampa internazionale e nella traduzione di flyer illustrativi dei tesori esposti nelle sale. Stesso aspetto esteriore ma con collezioni di storia naturale per la sede dello stage di Agnieszka Moscibrodzka ( a destra nella foto ), il Naturhistorisches Museum , che si trova di fronte al museo di storia dell’arte e come questo si affaccia su Maria-Theresien-Platz. Sono stata inserita nella sezione PR e Marketing e mi sono occupata di traduzioni e di elaborazione dati – racconta la studentessa quasi prossima alla laurea magistrale in Management internazionale - così ho avuto la possibilità di migliorare altre lingue oltre al tedesco. Durante il giorno di chiusura al pubblico del museo, nelle sale d’esposizione è stato organizzato un corso di ginnastica per il personale, mirato a migliorare la postura e a favorire il rilassamento». La strada verso Vienna è ormai aperta ad altri studenti della facoltà di Scienze linguistiche, in attesa di realizzare anche la seconda parte del progetto: riuscire a portare negli enti culturali bresciani gli universitari viennesi.

 
Go top