La tua ricerca ha prodotto 136 risultati per studenti.
Stai visualizzando i risultati 1 - 25:

Aquerò, gli studenti “fanno” il cinema

L'iniziativa nasce nel contesto delle Sale delle Comunità della Diocesi di Milano, piccole sale "indipendenti", lontane dai circuiti dei multisala, ma vicine alle realtà cattoliche. Raccontare lo spirito del cinema e il “cinema dello spirito”. Il festival Aquerò , lo spirito del cinema è nato per questo, e dal 16 al 29 novembre 2019 tornerà per la seconda volta con un programma ricco di film in anteprima nazionale, opere da riscoprire, incontri con registi e protagonisti del mondo culturale italiano. Una rassegna itinerante, che partirà da Milano, all'auditorium San Fedele , il 16 e 17 novembre, e poi arriverà in altre dieci città: Arcore, Busto Arsizio, Carugate, Cesano Boscone, Galbiate, Gallarate, Gorgonzola, Magenta, Saronno, Sesto San Giovanni . Direttore artistico è il critico cinematografico Fabrizio Tassi , affiancato dal direttore organizzativo Gianluca Bernardini , presidente dell'Acec milanese. Il festival propone per la prima volta anche un concorso cortometraggi aperto a tutti. Nel primo pomeriggio di sabato 16 novembre saranno proiettati i finalisti e decretato il vincitore.

 

Cresce My Mentor, bussola per il futuro

Piacenza Cresce My Mentor, bussola per il futuro 76 studenti e 76 professioni coinvolti nella quinta edizione progetto. Parola chiave? Relazione 07 novembre 2019 Un percorso di avvicinamento al mondo del lavoro, un diverso modo di fare squadra, attraverso l’affiancamento di un pool di mentor, che diventa per gli studenti un fondamentale momento di crescita personale grazie alla disponibilità di professionisti disponibili a un costante affiancamento. Nel 2019/20 il percorso coinvolgerà 76 studenti delle lauree magistrali in Gestione d’Azienda, in Giurisprudenza, in Scienze e Tecnologie Agrarie, in Scienze e Tecnologie Alimentari e in Agricultural and food economics. saranno anche i mentor, provenienti da varie funzioni aziendali (Finanza, Amministrazione contabilità, Pianificazione e controllo di gestione, Marketing e commerciale, Risorse umane, Consulenza strategica, Imprenditorialità): ciascuno di essi avrà il compito di supportare gli studenti degli ultimi anni di corso, svolgendo il ruolo di consigliere, guida e precettore. “Per questa edizione di My Mentor - ha sottolineato la preside di Economia Annamaria Fellegara - possiamo contare su uno sviluppo della piattaforma informatica e del sito; ma quel che più conta, l’imprescindibile “parola chiave” è la relazione, che nasce dalla capacità di dialogo ed ascolto attento e reciproco”. “Questa formula - ha detto Marco Trevisan preside di Scienze Agrarie, Alimentari e Ambientali - è un successo di innovazione, tanto che dagli studenti è venuta la richiesta per un ampliamento del numero di mentee”. mentor #mondolavoro #studenti #crescitaprofessionale Facebook Twitter Send by mail.

 

Campioni e universitari, adesso si può

sport Campioni e universitari, adesso si può Grazie al progetto Dual Career, 25 atleti frequentano 7 diverse facoltà dell’ateneo e provengono da 19 diverse discipline. La testimonianza di Cristina Chirichella , capitana della nazionale di Volley by Emanuela Gazzotti | 06 novembre 2019 Studenti-atleti è il binomio che ha dato origine al progetto Università e Sport: la Dual Career in Università Cattolica a partire dallo scorso anno accademico 2018/19. Atleti come Cristina Chirichella , 25enne capitano della Nazionale italiana di pallavolo e della Igor Volley Novara. Io fortunatamente sono riuscita a entrarci subito e ne sono veramente contentissima - ha raccontato Cristina a Cattolicanews -. Per un giovane affacciarsi allo sport agonistico è importantissimo perché ti aiuta a crescere, non solo tecnicamente nella tua disciplina ma anche e soprattutto caratterialmente perché ti permette di superare difficoltà che nel ‘normale’ percorso scolastico non si affrontano. Conseguire una laurea triennale per me è la base da cui partire, ma non escludo anche un percorso magistrale. È una questione di conoscenza: ho scelto di studiare Scienze motorie per conoscere quello che faccio e come incide sul mio corpo».

 

Il successo nel mondo del lavoro?

Piacenza Il successo nel mondo del lavoro? È anche una questione di soft skills. Un progetto di orientamento professionale e di career coaching x allenarsi al mondo del lavoro. Ascolto attivo, team working, self marketing, leadership, problem solving, organizzazione, public speaking e negoziazione, sono al centro del programma “Soft Skills dynamic lab”, organizzato dalla Funzione Stage &; Placement del campus piacentino per arricchire di abilità trasversali la “cassetta degli attrezzi” dei futuri laureati. Il motivo è funzionale: è più facile far acquisire ad una risorsa una capacità tecnica piuttosto che modificare il suo comportamento, il suo atteggiamento, la sua capacità di rimanere positivo, intraprendente, il suo approccio al lavoro e la sua spinta motivazionale”. “Il progetto– spiega Paolo Alice, formatore di Nextrategy partner di Rolleri Cultura d’Impresa e relatore del corso – è nato per aiutare i ragazzi ad acquisire le capacità di cui avranno bisogno per emergere come professionisti preparati e competenti nel mondo del lavoro”. Accanto all’attività di formazione finalizzate al potenziamento delle soft skills e alla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, è previsto l’inserimento dei laureati in aziende della provincia attraverso tirocini formativi e il loro successivo accompagnamento al lavoro con l’attivazione di contratti di alto apprendistato o a tempo indeterminato. “Il progetto – ricorda Antonella Vologni, Direttore di Forpin – è un importante banco di prova per le misure di politica attiva del lavoro di prossima realizzazione nella nostra Regione” #softskills #stageplacement #orientamento #studenti #neolaureati Facebook Twitter Send by mail.

 

Il laureato Draghi visto dai laureandi

Senza contare chi ha seguito l’evento in streaming, 950 ragazzi della Cattolica hanno partecipato distribuiti tra aula magna, aule video-collegate e cortile d’onore, dove era allestito un maxi schermo. Anche tra gli studenti è stato molto alto l’interesse per la lectio cathedrae magistralis che il presidente della Banca centrale europea ha tenuto dopo avere ricevuto la Laurea honoris causa. Abbiamo raccolto le reazioni di alcuni di loro nel video allegato. draghi #laurea honoris causa #studenti Facebook Twitter Send by mail.

 

“Presenza”, le voci di studenti e alumni

Ogni anno l’ufficio relazioni internazionali cerca volontari che passino la giornata a gestire le attività di accoglienza per gli studenti internazionali che arrivano in Cattolica. La bellezza di queste giornate è di trovarsi con persone che hanno voglia di scoprire il mondo anche attraverso gli occhi degli altri. La prima settimana di lezioni ho conosciuto una ragazza che oggi è (a distanza di otto anni) una delle mie migliori amiche e grazie alla quale ho incontrato quello che a giugno diventerà mio marito. In quel momento ho capito di aver trovato il mio posto nel mondo, ho capito che non avrei voluto essere da nessun’altra parte e che la mia decisione di iscrivermi a questa facoltà, nonostante le mille difficoltà, sia stata la scelta più giusta, coraggiosa e coerente della mia vita. Sono seduta al mio posto di Mariaelena Alberti Terzo anno del corso di laurea in Psicologia, facoltà di Psicologia Sono seduta al mio posto, in università. Una voce che tramanda conoscenze secolari o anche millenarie e che parla attraverso semi di verità depositati in ognuna delle persone che hanno contribuito a essa e che ci hanno lasciato i loro scritti per renderci partecipi delle loro riflessioni. La mia presenza di ragazza sognatrice di Virginia Leonardi III anno di Linguaggi dei Media, facoltà di Lettere e filosofia Ecco la mia “presenza”: l’Università Cattolica è per me formazione, condivisione, conoscenza, incontro, maturità.

 

A Roma arriva la Ravizza Guesthouse

Roma A Roma arriva la Ravizza Guesthouse Nei pressi del Policlinico Universitario “A. Gemelli” e a pochi passi dalla sede Università Cattolica è attiva la nuova residenza in convenzione con Educatt pensata per un pubblico giovane e internazionale. by Giada Meloni | 05 settembre 2019 A Roma nasce una nuova residenza dedicata agli studenti, la Ravizza Guesthouse, una struttura rivolta a un pubblico internazionale che accoglie i suoi ospiti in un ambiente giovane e contemporaneo e pensato per la vita di tutti i giorni. La residenza è composta da sei appartamenti, di cui cinque bilocali e un quadrilocale. In tutto la struttura conta nove stanze, quattro singole e cinque doppie, dotate di tutte le comodità: aria condizionata, bagno a uso esclusivo di ogni camera, un’area comune con TV e cucina in ogni appartamento, un’ampia sala comune a tutta la struttura, una lavanderia e un deposito bagagli. La residenza si inserisce in un panorama più ampio di strutture gestite – direttamente o in convenzione – da Educatt; l’Ente infatti vanta oggi sul territorio romano ben 12 strutture, tra Collegi in Campus e Residenze in Città. L’acquisizione di quest’ultima guesthouse risponde all’esigenza degli studenti, in particolar modo quelli internazionali, di abitare in un luogo sicuro e confortevole che favorisca lo studio e al contempo sia attento alla socialità. La residenza si trova in via Giovita Ravizza, vicino al Policlinico Universitario “A. Gemelli” e all’Università Cattolica: l’accesso alla struttura non è vincolato dal Bando di Concorso per l’ammissione degli studenti e delle studentesse dell’Università Cattolica ai Collegi e Residenze universitarie.

 

Più matricole e nuovi spazi nei 5 campus

L’aumento di iscritti si aggiunge a una lunga serie di analoghi incrementi degli ultimi cinque anni, che hanno condotto a un +16% di iscritti dal 2014 a oggi. NUOVI SPAZI E POSTI AULA PER GLI STUDENTI Il continuo aumento del numero degli immatricolati nelle cinque sedi dell’Ateneo comporta ricadute sull’assetto organizzativo, soprattutto per quanto riguarda il reperimento di nuove superfici da mettere a disposizione degli studenti. Dal prossimo anno accademico, con previsione di utilizzo a regime a partire da gennaio 2020, nell’immobile di via Olona 2 saranno disponibili oltre 400 posti aula, pari a più di 4.000 mq ripartiti su tre piani, di cui 300 destinati alla didattica di lauree triennali e lauree magistrali. Sede di Piacenza-Cremona Nel campus piacentino, a fronte della forte presenza di studenti, sono in fase di valutazione nuovi spazi volti ad assicurare il mantenimento della qualità dei servizi didattici finora offerti. Sede di Roma Nel campus romano dal 2015 è partito un piano quinquennale di Ateneo per la complessiva riqualificazione architettonica degli spazi dedicati agli studenti finalizzato ad assicurare la qualità della didattica e lo sviluppo di relazioni comunitarie. In particolare, il piano di riqualificazione ha riguardato le oltre 40 aule didattiche del Campus, con un aumento del 15% di posti a sedere per gli studenti, nonché la nuova Biblioteca presso il Policlinico Universitario A. Gemelli IRCCS (mq. 1200, 250 posti a sedere). NUOVO SERVIZIO WEB AGLI STUDENTI L’Università Cattolica, sempre nell’ottica di semplificare e migliorare l’utilizzo da parte degli studenti di tutti i servizi dell’Ateneo, da luglio di quest’anno ha ideato e creato il sito a loro dedicato “Studenti Cattolica” (https://studenticattolica.unicatt.it/).

 

Cena solidale per la Villetta della Misericordia

Roma Cena solidale per la Villetta della Misericordia Il 20 giugno, presso la mensa.23 del Polo Giovanni XXIII, la seconda edizione della Cena di gala &; asta di vini di beneficenza, organizzata dalla Comunità di Sant’Egidio per finanziare il soggiorno estivo degli ospiti della struttura di accoglienza. Claudio Giuliodori , Assistente Ecclesiastico generale dell’Università Cattolica, Lorenzo Cecchi , Direttore della Sede di Roma dell’Ateneo, Alberto Astuto (Educatt) e tanti docenti, personale e amici. Numerosi studenti della Sede, già da tempo coinvolti e impegnati in attività di accoglienza e di supporto, hanno collaborato al servizio a tavola, in un clima di amicizia e comunità. Al termine della cena, uno speciale ringraziamento a tutti i donatori che hanno reso possibile l’evento, tra cui la Casa Fogliani che ha offerto un aperitivo con prodotti caseari offerti anche per la vendita e devoluti per l’obiettivo della serata. A concllusione, in un clima simpatico e familiare, si è svolta la consueta asta dei vini, che ha distribuito bottiglie di vini pregiati, in vista di un’estate di grande amicizia. villettadellamisericordia #studenti #educatt Facebook Twitter Send by mail.

 

Latino e greco, troppe incertezze

Speciale maturità Latino e greco, troppe incertezze La novità della versione contestualizzata, preceduta da un Ante-testo e da un Post-testo bilingui, è stata annunciata due anni fa ma le modifiche più significative sono arrivate da poco, ad anno scolastico abbondantemente iniziato. Già da due anni il ministero aveva preannunciato per questo tipo di scuole la novità della versione contestualizzata dal latino o dal greco: un testo preceduto da un Ante-testo e seguito da un Post-testo bilingui, utili per collocare opportunamente il brano da tradurre. Ma su questa innovazione positiva adesso è stato inserito dell’altro, cioè un secondo testo nell’altra lingua classica, con a fianco la traduzione italiana: perfettamente inutile per saggiare la competenza di traduzione dalla seconda lingua. Ma le modifiche più significative, e che riguardano tutte le scuole, sono arrivate solo da poco, ad anno scolastico abbondantemente iniziato: però con effetto immediato, cioè a partire già dagli esami che cominceranno adesso. In marzo seguiva poi un’Ordinanza che precisava, a proposito di questi “materiali”, che si doveva trattare di “buste” predisposte dalla commissione: il presidente prima e il candidato poi avrebbero dovuto sorteggiare la busta con relativi materiali, che non dovrebbero contenere domande precise, ma “nodi concettuali”. L’incertezza a questo punto per i candidati e i docenti è aumentata: giustamente è stato rilevato che novità così significative non possono essere introdotte nel corso dello stesso anno in cui si vuole anche applicarle. Nella storia recente della scuola di solito si è cercato di rispettare il principio per cui le novità legislative non possono essere inserite durante l’anno scolastico in corso, se si vuole ottenere la ricaduta didattica auspicata.

 

Maturi in cittadinanza e costituzione

Speciale maturità Maturi in cittadinanza e costituzione Per la prima volta alla maturità arriva la prova “Cittadinanza e Costituzione”. Una novità importante ma sarebbe l’ennesima occasione persa se ci si limitasse a capire quanto gli studenti sanno invece di promuovere, attraverso la formazione, veri cittadini. giugno 2019 di Milena Santerini * L’esame di Stato 2019 prevede l’accertamento delle conoscenze e competenze maturate nell’ambito delle attività relative a “Cittadinanza e Costituzione”; il riferimento è alla Legge 169/2008 che creava tale insegnamento pur non considerandolo una vera e propria materia. L’introduzione di “Cittadinanza e Costituzione” nell’esame di quest’anno non ha mancato di creare sconcerto negli studenti e nei professori. Da un lato, viene al pettine la tradizionale trascuratezza di cui ha sofferto per decenni questa dimensione, che in teoria è sempre stata presente nel curricolo. I Consigli di Classe raccolgono quanto svolto dalla classe, evidenziando e descrivendo tali percorsi, che saranno poi oggetto di una sezione specifica del colloquio. Sarebbe l’ennesima occasione persa se ci si limitasse a capire quanto gli studenti sanno invece di promuovere l’esercizio effettivo della cittadinanza, unico modo per creare veri cittadini.

 

Non snaturare la prova di traduzione

Speciale maturità Non snaturare la prova di traduzione Tradurre un testo resta la migliore delle verifiche delle competenze di uno studente di liceo classico, che traducendo mette in campo anche le proprie conoscenze in ambito storico, artistico, filosofico, culturale e la propria capacità di applicarle. giugno 2019 di Antonietta Porro * Quanto è cambiata la seconda prova dell'esame di Stato per i licei classici con l’introduzione della cosiddetta “prova mista”, sperimentata quest’anno? Ci sarà ora una doppia traduzione, dal greco e dal latino? Sgombriamo subito il campo da un equivoco: non ci sarà nessuna doppia traduzione. Ai candidati sarà chiesto di tradurre un passo dal greco oppure dal latino (quest'anno sarà latino), mentre di un secondo passo nell'altra lingua classica, su un tema connesso con quello del brano da tradurre, sarà offerta allo studente una traduzione italiana bell'e pronta. Dunque la prova di traduzione resta una sola. Quali allora le novità? Una più (troppo?) ampia introduzione e contestualizzazione del testo e i quesiti che vi si accompagneranno. L’auspicio è che la prova di traduzione non venga snaturata. docente di Letteratura greca #maturita #esami #studenti #latino #greco Facebook Twitter Send by mail.

 

Un passaporto per salvare la Terra

by Federica Mancinelli | 26 aprile 2019 È il “Passaporto per la sostenibilità” una delle iniziative promosse dall’Alta Scuola per l’Ambiente dell’Università Cattolica (ASA) in occasione del Villaggio per la Terra, organizzato da Earth Day Italia insieme al Movimento dei Focolari, in svolgimento a Villa Borghese a Roma. Ogni bambina e bambino ricevono un “passaporto” da completare, “viaggiando” nelle 17 piazze animate tematicamente dagli studenti dell’Università Cattolica attraverso laboratori ed attività esperienziali e ideate per la comprensione degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Le iniziative, dedicate a esplorare e approfondire l'Agenda ONU 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, promosse e sostenute dal Rettorato dell’Ateneo del Sacro Cuore, sono coordinate scientificamente dall’Alta Scuola per l'Ambiente (ASA) diretta dal professor Pierluigi Malavasi , Ordinario di Pedagogia generale e sociale della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica. La ricerca si colloca nell’ambito del progetto Obiettivo 2030 ( www.obiettivo2030.it ) che Earth Day Italia ha lanciato con ASviS per promuovere e accelerare il raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. Tutte le realtà indagate sono impegnate in diversi Obiettivi di Sviluppo Sostenibile contemporaneamente, si va da un minimo di 3, ad alcune realtà che dichiarano di spendere il proprio impegno in tutti e 17 gli SDGs. Quello che emerge prioritariamente è la necessità, per le organizzazioni rispondenti, di poter accedere in modo tempestivo ad informazioni su bandi di finanziamento e incentivi, partecipare ad occasioni di incontro con le istituzioni e promuovere eventi in cui presentare le attività svolte. L’incoraggiante risposta, in termini di quantità e qualità, testimonia il particolare fermento sui 17 Obiettivi di Sviluppo sostenibile e le aspettative che gli enti nazionali del Terzo settore mostrano verso l’agenda ONU 2030.

 

Un premio per il miglior "original article"

Roma Un premio per il miglior "original article" Lo hanno vinto due studenti della Facoltà di Medicina e chirurgia dell’Università Cattolica nell’ambito del Congresso studentesco Moremed. L'esperienza congressuale incentiva la formazione e l'interesse degli studenti su tematiche extra-curriculari e incoraggia lo sviluppo di competenze nella ricerca autonoma delle fonti scientifiche, nel lavoro di gruppo, nella presentazione e nell'efficace comunicazione di informazioni scientificamente attendibili e comprovate. Si tratta di Margherita Bigossi, studentessa del quinto anno del Corso di Laurea in lingua inglese in Medicine and Surgery, e Nicola Coletta , studente del sesto anno del Corso di laurea in Medicina e chirurgia. I due studenti sono stati premiati dal campione olimpico di nuoto Gregorio Paltrinieri . Si tratta di uno studio che utilizza un plasmide codificante il gene umano di Sonic Hedgehog per stimolare, in modelli sperimentali in vivo, un processo angiogenico che risulta simile a quello delle malformazioni arterovenose cerebrali umane, che sono la prima causa di emorragia cerebrale non traumatica nei giovani adulti. Questo studio utilizza metodiche di biotecnologia innovativa, coerentemente con la missione della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS, e contribuisce a migliorare le conoscenze sulla fisiopatologia delle malformazioni arterovenose cerebrali, con potenziali benefici diagnostici e terapeutici.

 

Studenti americani della North Carolina State University

Piacenza Studenti americani della North Carolina State University Summer Program - Lezioni, visite guidate e seminari per 31 studenti. giugno 2019 Hanno scelto per il quarto anno consecutivo la città di Piacenza gli studenti provenienti dalla North Carolina State University, ateneo partner dell’Università Cattolica. Accolti dall’Ufficio Internazionale, 31 studenti americani saranno ospiti del campus piacentino fino al 19 giugno, per seguire un “Summer Program” organizzato in collaborazione con la Facoltà di Economia e Giurisprudenza. Durante la loro permanenza gli studenti del Summer Program avranno la possibilità di conoscere diversi aspetti dell’economia italiana, grazie a visite di grande interesse, tra cui quelle alla Borsa di Milano e alle aziende Dallara Automobili e Campari S.p.A. Oltre alle visite aziendali, gli studenti parteciperanno ad incontri formativi in aula, e ad un seminario sul tema “The Italian political system and the European Union”, tenuto da due docenti della Cattolica di Milano, proff. summerschool #studenti #ufficiointernazionale #northcarolinastateuniversity Facebook Twitter Send by mail.

 

Se gli studenti danno i voti

didattica Se gli studenti danno i voti Anche quest’anno, con un doppio questionario reperibile su iCatt, gli iscritti potranno contribuire alla valutazione della didattica e delle modalità di svolgimento degli esami. maggio 2019 Anche gli studenti che vivono in prima persona l’Università possono dare indicazioni o suggerimenti utili per migliorarne la qualità della formazione e dei servizi. Come? Ad esempio dedicando un tempo adeguato - in media pochi minuti - alla compilazione di due questionari: uno dedicato alla valutazione dei corsi, l’altro della cosiddetta esperienza d’esame. Il primo questionario, obbligatorio per perfezionare l'iscrizione on line agli esami, è proposto agli studenti ormai da molti anni, anche sulla base delle indicazioni dall'Anvur, l’Agenzia Nazionale di Valutazione dell'Università e della Ricerca. I dati raccolti, trattati in forma anonima e riservata secondo la normativa vigente in tema di privacy, sono poi resi disponibili alle facoltà dal Nucleo di valutazione c on l’obiettivo di migliorare ulteriormente la programmazione dei corsi nei metodi e nei contenuti. L’anno scorso, il questionario di valutazione della didattica ha prodotto - per le sedi di Milano, Brescia, Piacenza-Cremona - 3.112 report, che nell’84% dei casi contenevano anche almeno un commento; 3744 report sono stati elaborati per i corsi della facoltà di Medicina e chirurgia della sede di Roma. Per quanto riguarda l’esperienza di esame i quasi 65mila questionari raccolti hanno permesso di rilevare una significativa soddisfazione per l’esperienza d’esame (86,7%) e per la congruenza fra le indicazioni per il sostenimento dell’esame - materiale bibliografico (95,1%) e CFU (85%) - e ciò che è stato chiesto.

 

A Roma si prova l'Università

Lunedì 25 febbraio alle ore 9.30, nell’Aula 1 del Polo Universitario “Giovanni XXIII”, si è aperta la giornata dedicata alla Facoltà di Economia con l’incontro “Scopri cosa si studia e come si accede”, guidato dai tutor della Facoltà. Alle ore 10.15 il professor Gilberto Turati , docente di Scienza delle Finanze, ha tenuto una lezione su “Prezzi e mercati. Perché un tifone può fare sparire i gelati (alla vaniglia)” e alle ore 11.45 il professor Stefano Villa, docente di Economia aziendale, ha svolto la lezione dal titolo “Capire struttura e dinamiche di un’azienda. Nel pomeriggio l’incontro di preparazione al Test di Ingresso ai corsi di laurea triennale della Facoltà di Economia (TIEc). Martedì 26 febbraio alle ore 9.30, nell’Aula Moscati presso gli istituti Biologici, al via l’evento per la Facoltà di Medicina e chirurgia con l’incontro “Scopri cosa si studia e come si accede”, guidato dai tutor della Facoltà. Alle ore 10.15 il professor Alessandro Arcovito , docente di Biochimica, ha tenuto la lezione “Le proteine: realizzazione tridimensionale del codice genetico, dalla teoria alla simulazione 3D”. Alle ore 14.30 l’incontro di preparazione al test di ammissione ai Corsi di laurea della Facoltà di Medicina e chirurgia.

 

La letteratura, tesoro formativo per tutti

Speciale maturità La letteratura, tesoro formativo per tutti Collocare l’analisi e l’interpretazione di un testo letterario tra le prove comuni dell’esame di Stato, senza distinzione di percorso scolastico, significa riconoscere alla letteratura un ruolo irrinunciabile nella formazione delle giovani generazioni. giugno 2019 di Giuseppe Langella * Com’è noto, la tipologia A della prima prova scritta del nuovo esame di Stato consiste nell’«analisi e interpretazione di un testo letterario italiano, compreso nel periodo che va dall’Unità d’Italia ad oggi». Diversamente dalla normativa precedente, che lasciava indeterminata la natura e la collocazione storico-geografica del brano iniziale, il «testo» in questione deve appartenere, obbligatoriamente, alla letteratura italiana postunitaria. Verosimilmente, a giudicare dalle simulazioni proposte dal Ministero (Pascoli, Pirandello, Montale, Morante), i due testi, di autori più o meno canonici, saranno uno in prosa, l’altro in versi. La prima prova scritta del nuovo esame di Stato, come avveniva del resto anche nella vecchia maturità, è identica per tutti i percorsi e indirizzi dell’istruzione liceale, tecnica e professionale. Collocare l’analisi e l’interpretazione di un testo letterario tra le prove comuni dell’esame di Stato, senza distinzione di percorso scolastico, significa, in altri termini, riconoscere alla letteratura un ruolo irrinunciabile nella formazione delle giovani generazioni. docente di Letteratura italiana moderna e contemporanea e direttore del Centro di ricerca “Letteratura e Cultura dell'Italia Unita” #maturita #esami #studenti #letteratura Facebook Twitter Send by mail.

 

La matita della musica

Milano La matita della musica Ridisegnare la spiaggia fra intrattenimento e rito: è il titolo dell’intervento che il professor Fausto Colombo ha tenuto in occasione della presentazione agli studenti del “Jova Beach Party”, l’evento di lancio del tour estivo di Jovanotti. maggio 2019 di Fausto Colombo * Un'occasione privilegiata quella che hanno avuto i 500 studenti di sei università milanesi (Statale, Cattolica, Bicocca, Bocconi, Politecnico, Iulm) ad incontrare Jovanotti lo scorso 15 maggio. Alla presentazione del tour estivo dell'artista in 16 spiagge italiane più Plan de Corones - il "Jova Beach Party" - nell'Aula Magna dell'Università degli studi di Milano si sono alternati sul palco sei docenti dei rispettivi atenei che hanno approfondito le sfide di questa nuova avventura. Per l'Università Cattolica è intervenuto il professor Fausto Colombo , docente di Teoria della comunicazione e dei media e direttore del dipartimento di Scienze della comunicazione dello spettacolo, di cui riportiamo gli spunti offerti alla platea. Woodstock e l’Isola di Wight, che hanno aperto la stagione di queste grandi manifestazioni, erano non-luoghi, che la musica ha vivificato e trasformato in spazi sacri per la celebrazione del suono, della condivisione e della vita. Per questo ho ancora nei miei occhi una scena che considero molto italiana: una barca che si avvicina a una spiaggia con sopra alcuni migranti che hanno tentato la fortuna in mare. Un’opportunità Dunque trasformare la spiaggia-confine con la musica significa riempirla di contenuti che trasformano il confine in un luogo di incontro e di scambio anziché in una barriera, e di questo c’è un grande bisogno oggi.

 

Nomine, studenti nel Cda Educatt

Ateneo Nomine, studenti nel Cda Educatt Si rinnova dopo due anni la rappresentanza di studenti che l’Ente per il diritto allo studio dell’Università Cattolica garantisce all’interno del proprio Consiglio di Amministrazione. by martina Vodola | 06 giugno 2019 In occasione delle elezioni studentesche dell’Università Cattolica sono stati nominati i tre rappresentanti degli studenti all’interno del Cda di Educatt, l’ente per la gestione del diritto allo studio dell’Ateneo. Nell'ottica di un maggiore confronto diretto con gli studenti, Educatt riconosce all’interno del proprio Consiglio di amministrazione una rappresentanza studentesca, come deliberato da Statuto , in grado di fornire una preziosa collaborazione nella verifica e nella garanzia del livello qualitativo dei servizi offerti e dell’efficacia della gestione dell’Ente. I rappresentanti degli studenti sono sempre tre (un terzo del Cda) e vengono eletti ogni due anni tra gli iscritti dell’Università Cattolica in corso o fuori corso per non più di due anni entro il termine per la presentazione delle candidature. Quest’anno sono stati eletti dagli studenti stessi, gli scorsi 14 e 15 maggio, Alice Anceschi , Riccardo Perdichizzi e Gianmarco Quarta . Tra le varie funzioni, il Cda delibera in ordine alle convenzioni con l’Università Cattolica, sui bandi di concorso e sul programma di attività e sulle modalità di attuazione degli interventi per il diritto allo studio. Determina inoltre periodicamente gli indirizzi, programmi e modalità di attuazione delle finalità statuarie, oltre a stabilire le tariffe di accesso ai servizi che Educatt mette a disposizione agli studenti per poter «studiare bene e con successo».

 

Disfida matematica, vince il Leonardo

Brescia Disfida matematica, vince il Leonardo 300 studenti provenienti da Lombardia, Veneto e Toscana e suddivisi in 39 squadre, si sono sfidati in una gara matematica per aggiudicarsi la partecipazione alla “Gara Nazionale di Matematica a Squadre” di Cesenatico. marzo 2019 l 1° classificato il Liceo Leonardo di Brescia, 2° posto per il Liceo Marconi di Carrara, 3° gradino del podio per il Liceo Copernico di Brescia. E' il podio della XV° Disfida Matematica, andata in scena venerdì 8 marzo nella palestra “Vittorio Mero” di Folzano (Bs), in cui 300 studenti, suddivisi in 39 squadre provenienti da tutta la Lombardia, dal Veneto e dalla Toscana si sono sfidati nella risoluzione di complicati rompicapi e problemi matematici. Obiettivo? Aggiudicarsi la partecipazione alle "Olimpiadi nazionali della matematica", l'annuale competizione in programma a Cesenatico per il mese di Maggio. Oltre ai primi tre classificati, infatti, le prime 10 squadre classificate accederanno di diritto all'importante competizione in cui i licei bresciani hanno sempre saputo distinguersi, vantando ben dieci vittorie assolute su un totale di quindici edizioni. disfidamatemtica #studenti #matematica #divertimento #oliampiadidellamatetica # Facebook Twitter Send by mail.

 

Jovanotti incontra gli studenti

Milano Jovanotti incontra gli studenti Ci saranno anche 70 ragazzi dell’Università Cattolica, insieme al professor Fausto Colombo, all’evento di presentazione del “Jova Beach Party dell’estate 2019”. Il cantante presenterà la tournée dialogando con i docenti di sei atenei. maggio 2019 Sei università milanesi parteciperanno mercoledì 15 maggio all’evento di presentazione del “ Jova Beach Party dell’estate 2019 ”. Università Cattolica, Università degli studi di Milano, Università degli Studi di Milano Bicocca, Università Bocconi, Politecnico e Università Iulm vogliono offrire ai propri studenti l’occasione di approfondire alcune delle sfaccettature dell’impresa, alla presenza di uno degli artisti più amati dai giovani. Lorenzo Jovanotti , presente in Aula Magna, ascolterà gli speech dei sei docenti, tra cui il professor Fausto Colombo dell'Università Cattolica, e interagirà con loro regalando una visione esclusiva della sua nuova avventura. L’appuntamento è nell’Aula Magna dell’Università Statale mercoledì 15 maggio in via Festa del Perdono, 7 alle ore 10.30 . Saranno ammessi all’evento 35 studenti del corso di laurea Linguaggi dei media e 35 studenti del corso di laurea Comunicazione e società .

 

A lezione con Gomez e Corcione

by Elisa Belussi | 28 marzo 2019 Passione, impegno e adattamento sono tra i requisiti più importanti per la professione, soprattutto ora che l’informazione si spinge sempre più oltre i canoni tradizionali, abbandonando la carta a favore del web. Sapersi cimentare nei campi più disparati, mettersi in gioco e lavorare in squadra: caratteristiche fondamentali per Peter Gomez , direttore de ilfattoquotidiano.it, tra i primi ospiti del ciclo di incontri, introdotto da Gerolamo Fazzini del quotidiano Avvenire. Oggigiorno, infatti, l’informazione sta vivendo una fase in cui il giornalismo a stampa ha ancora un peso politico rilevante, ma la rete si sta facendo sempre più spazio, affiancata dalla televisione. Ovviamente, nel passaggio dalla dimensione cartacea all'online l’informazione cambia sfumatura, pubblico e contenuti: se il primo è fortemente identitario, il secondo è più eterogeneo, multisfaccettato, di semplice e rapida lettura. Open.online, diretto da Massimo Corcione e fondato da Enrico Mentana , è un giornale online che si pone l’obiettivo di coinvolgere i giovani nel vasto mondo dell’informazione, proponendo articoli e servizi brevi, interagendo ampiamente con i propri lettori tramite i social. Corcione interpreta il giornalista come una figura poliedrica, in grado di cogliere i tanti aspetti di una carriera sempre più multidisciplinare. Come i relatori hanno sostenuto durante l’incontro, per essere giornalista ormai non basta più saper scrivere, ma sapersi adattare con le diverse realtà del settore, proponendosi come un professionista a 360°, in grado di interfacciarsi con quante più realtà possibile.

 

Allo Scientifico il debutto di Fisica

Speciale maturità Allo Scientifico il debutto di Fisica Per la prima volta la seconda prova scritta vedrà la sua presenza accanto alla Matematica. giugno 2019 di Alessandro Musesti e Stefania Pagliara * Era dal 1969, l’anno dello sbarco sulla Luna, che la seconda prova dell’esame di stato del Liceo Scientifico riguardava esclusivamente la Matematica. Prima di tale anno, infatti, la prova oscillava negli anni tra la Matematica e il Latino, ma ad un certo punto ci si è fermati sulla Matematica e non si è più cambiato per 50 anni. Oggi, nel 2019, ci siamo: giovedì 20 giugno ai candidati sarà richiesto di risolvere uno dei due problemi misti di Matematica e Fisica e di svolgere quattro quesiti degli otto proposti, di cui cinque di Matematica e tre di Fisica. La Fisica è innanzitutto una disciplina sperimentale che, a partire dal biennio, deve prevedere un’opportuna e costante attività laboratoriale, dove l’esperimento deve essere un’interrogazione ragionata dei fenomeni naturali, uno strumento di controllo di ipotesi interpretative, un’analisi critica dei dati e del processo di misura. Quasi sicuramente anche la prova del 20 giugno sarà dello stesso tono; non si poteva del resto pensare di introdurre la multidisciplinarietà Matematica/Fisica senza un’adeguata preparazione e senza dare ai ragazzi e ai docenti il tempo di rivedere l’insegnamento di queste discipline. docenti di Fisica Matematica e di Fisica, facoltà di Matematica e Fisica, campus di Brescia #maturita #esami #studenti #matematica #fisica Facebook Twitter Send by mail.

 

La felicità è un pane che si mangia insieme

Roma La felicità è un pane che si mangia insieme Domenica 17 marzo nella Chiesa Centrale del Campus di Roma una Messa per ricordare Modesta Valenti e tutte le persone senza fissa dimora morte lo scorso Inverno a causa del freddo. Circa sessanta gli studenti che sono stati coinvolti nel servizio a tavola ed al termine hanno partecipato alla festa vissuta da tutti in uno spirito di grande amicizia e familiarità. Claudio Giuliodori , Assistente Ecclesiastico generale dell'Ateneo, e concelebrata da Don Antonio Bomenuto e Don Nunzio Currao , Assistenti Pastorali della Sede di Roma, e da Don Fernando , sacerdote della Comunità di Sant’Egidio, è stata animata dai giovani della Comunità di Sant’Egidio e dal Coro degli Studenti dell’Università Cattolica. L'immagine rappresentava l'icona della moltiplicazione dei pani, segno della generosità e della solidarietà che insieme si moltiplicano, vivendo la condivisione con tutti, nessuno escluso, poiché, come il Vangelo ci insegna, la felicità è un pane che si mangia insieme. Per questo, nell’anniversario della sua scomparsa, si fa memoria nella liturgia di tutti gli “amici per la strada” a cui la Comunità si è fatta prossima che hanno perso la vita, ricordando ciascuno per nome. Con loro la Comunità, attraverso il servizio delle mense, le cene itineranti, i luoghi di accoglienza, ha intessuto negli anni rapporti di prossimità e di familiarità, nel tentativo di migliorare le difficili condizioni della loro vita. La memoria di Modesta e degli amici per la strada, da Roma si è diffusa in tanti luoghi dove la Comunità è vicina a chi vive e muore senza dimora.

 

Go top